L'automobile strumentale ad attività professionale è impignorabile?

Sono un'agente immobiliare, quindi un libero professionista, risulto per altro un cattivo pagatore, rate insolute finanziarie e compagnia bella: dovrei comprare un'auto intestandola a me.

Quella che ho ora (vecchia di 19 anni) è intestata a mia madre.

Ovviamente corro il grosso rischio del pignoramento, anche se non si tratta certo di un'auto di grande valore (ca. 8.000,00 euro). In realtà ho letto che in base all'art. 514 del codice civile, alcuni beni mobili non sono pignorabili, e tra questi potrebbe rientrare l'automobile che mi è indispensabile per svolgere la mia professione. E' corretto?

La sua ipotesi è in parte corretta: per quanto attiene il fermo amministrativo (fattispecie comunque diversa dal pignoramento) del veicolo per debiti di tipo esattoriale (quelli contratti con la Pubblica Amministrazione) per cui agisce Equitalia, la legge dispone che il debitore debba essere preavvisato, ed entro 30 giorni possa dimostrare, evitando il provvedimento, che il bene è funzionale all'attività professionale o d'impresa.

L'articolo 514 del Codice di procedura civile (cose mobili assolutamente impignorabili) prevedeva, al comma 4, l'assoluta impignorabilità degli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore. Purtroppo, però , il comma in questione è stato abrogato nel 2006 dalla legge 52.

Le norme vigenti prevedono, invece, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.

Tuttavia, il problema risiede nel fatto che è onere del debitore, dopo l'avvenuto pignoramento del veicolo, rivolgersi al giudice delle esecuzioni e dimostrare con il supporto necessario di un avvocato, che l'automobile è indispensabile all'esercizio della professione, chiedendone la liberazione.

E, l'esito dell'istanza non è assolutamente scontato.

7 aprile 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento auto
pignoramento beni strumentali attività o professione
pignoramento veicolo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore
Per quanto attiene il pignoramento delle "cose mobili" di proprietà del debitore, l'articolo 515 del codice di procedura civile prescrive, al comma terzo, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, ...
Sempre dovuta l'IRAP per l'esercizio di attività professionale in forma associata
L'esercizio in forma associata di una professione costituisce circostanza di per sé idonea a far presumere l'esistenza di un'autonoma organizzazione di strutture e mezzi, ancorché non di particolare rilevanza economica, nonché dell'intento di avvalersi della reciproca collaborazione e competenze, ovvero della sostituibilità nell'espletamento di alcune incombenze, sì da potersi ritenere ...
Rc auto » Per i disoccupati l'assicurazione costa di più - Ecco perchè
Tra le variabili che influiscono sulla determinazione del costo dell'assicurazione auto, molte compagnie includono anche il mestiere del cliente. Si scopre così che i medici sono la categoria più coccolata, mentre i disoccupati quella che finisce per pagare di più. ...
Auto acquistata per uso professionale » Detrazione Iva e tasse
Acquistare un'auto ad uso lavorativo per un professionista consente oramai un piccolo risparmio. Le norme sulla detrazione dell'IVA e la deducibilità del costo sono molto complesse. In questo articolo cercheremo di spiegare chiaramente cosa può effettivamente scaricare il professionista, senza creare false illusioni. Le regole sulla deducibilità dell'autovettura usata a ...
Nullo l'accertamento fiscale basato sui movimenti in conto corrente se il contribuente non ha svolto attività
Quando sussistono flussi finanziari che non trovano corrispondenza nella dichiarazione dei redditi, i dati risultanti dai conti correnti bancari possono essere utilizzati sia per dimostrare l'esistenza di un'eventuale attività occulta (impresa, arte o professione), sia per quantificare il reddito ricavato da tale attività, incombendo al contribuente l'onere di dimostrare che ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca