L’apoteosi dei debiti

Argomenti correlati:

Nel 2009 la magistratura sequestrò l’azienda per cui lavoravo e di cui ero fideiussore, passando la gestione ad amministratori giudiziari.

L’azienda era floridissima e mi permetteva di versare un congruo assegno alla mia ex moglie. Dopo due anni c’è stata l’assoluzione completa dell’ex-amministratore e il rilascio dell’azienda che, nel frattempo, gli amministratori avevano fatto fallire.

Mi sono ritrovato senza lavoro, senza reddito, senza alcuna proprietà e adesso scopro che le banche vogliono essere risarcite dai fideiussori (cioè da me): l’Agenzia delle Entrate pretende cifre stratosferiche (sempre da me), Equitalia mi chiama a rispondere per l’azienda collegata di cui ero amministratore. Anche la mia ex moglie mi richiede l’integrazione di quanto non ho più versato dal 2009.

Ripeto che io sono senza alcun reddito (vivo di “disoccupazione”), non ho alcuna proprietà e non ho conti in banca. Non ho nemmeno i soldi per l’avvocato. Cosa mi succede?

La sfortuna sembra aver voluto farle compagnia negli ultimi anni, ma c’è almeno un aspetto positivo nella sua situazione: può tranquillamente mandare “a quel paese” i creditori. Di qualsiasi natura essi siano: ordinari (privati, banche e finanziarie), esattoriali (Agenzia delle entrate ed Equitalia) ed alimentari (coniuge separato).

L’unica incombenza a cui dovrà provvedere è quella di dotarsi di un sufficiente numero di sacchetti della spazzatura per smaltire le carte che i creditori decideranno di notificarle, direttamente, tramite agenti della riscossione o avvocati.

29 Giugno 2015 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'amministratore dimissionario di una coop può essere segnalato in centrale rischi per debiti acquisiti dalla società dopo le sue dimissioni?
Ho dato dimissioni da amministratore cooperativa: se ci sono debiti bancari che gli amministratori rimasti non salderanno in futuro e andranno in sofferenza, io verrò comunque segnalato alla centrale rischi pur essendomi dimesso prima? ...

Sono pieno di debiti - Ho 30 anni, la azienda è l'unica mia possibilità di riuscita, ma la mole debitoria personale è troppo pesante - Cosa mi resta se non il suicidio?
Mio padre, deceduto pochi mesi fa, ha sempre gestito l'azienda di famiglia, in maniera folle: ad oggi, mi ritrovo a dover pagare stipendi arretrati, tasse arretrate fornitori arretrati. Il problema è che gli ho fatto, da sempre, da prestanome. Sono pieno di debiti. Più di 100 mila euro verso Equitalia, circa 100 mila euro con le banche dove io gli facevo da garante. Ora sono amministratore, ma mi è arrivato un pignoramento presso terzi, quindi il mio compenso amministratore verrebbe interamente fagocitato da Equitalia. Ho 30 anni, la azienda è l'unica mia possibilità di riuscita, ma la mole debitoria personale ...

Avvisi di addebito INPS per contributi previdenziali non versati dall'amministratore pro tempore di azienda
Mi sono iscritta al sito dell'inps e ho trovato due notifiche riferite a contributi non versati nel 2009 e nel 2010 (totale circa 5000 euro) Sono stata amministratore unico di un'azienda dal 2008 al 2011. Poi sono uscita come amministratore e come socio. Ho ricevuto due avvisi nel sito dell'inps di due diffide riguardati questi mancati contributi versati. Una diffida l'ho ricevuta nel 2013 e una nel 2014, MA NON ME NE SONO MAI ACCORTA perchè non sono mai entrata nel sito nell'inps. Ora mi chiedo se queste richieste vanno in prescrizione o meno.. Ed eventualmente il responsabile è il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic L’apoteosi dei debiti