L’agenzia delle entrate riscossione può pignorare un fido bancario?


Sono un artigiano e volevo sapere se l’agenzia delle entrate e riscossione può pignorare per cartelle esattoriali non pagate un fido bancario, cioè un conto corrente dove è presente solo parte del fido gia utilizzato.

L’affidamento in conto corrente di un importo concesso dalla banca, rappresenta un debito del correntista nei confronti della banca e non un credito del correntista verso la banca.

Il pignoramento presso terzi, ed in particolare il pignoramento del conto corrente intestato al debitore, riguarda esclusivamente i crediti che il debitore sottoposto ad azione esecutiva vanta nei confronti della banca.

Ne discende che la disponibilità di un saldo positivo relativo al conto corrente del debitore esecutato, riconducibile ad un fido concesso dalla banca (e non superiore ad esso), non è un credito che il correntista può vantare nei confronti della banca, ed è, per tale ragione, non pignorabile.

Comunque, è prassi, in caso di pignoramento del conto corrente, che la banca revochi il fido concesso (nel qual caso il saldo può andare in rosso).

2 Novembre 2019 · Simonetta Folliero



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic L’agenzia delle entrate riscossione può pignorare un fido bancario?