La revoca del custode è impugnabile?

Dopo 13 aste andate deserte, il Tribunale ci manda una notifica di andare via da casa entro 30 giorni perché ha deciso tramite un creditore di cambiare il custode perché secondo lui la casa non si vende essendoci noi dentro! Possiamo fare qualcosa? Il nostro legale dice che è una sentenza impugnabile: noi siamo senza lavoro ed essendo la prima casa non sappiamo dove andare.

L'ordinanza di sostituzione del custode è priva di efficacia definitiva e quindi è impugnabile solamente con l'opposizione agli atti esecutivi di cui all'articolo 617 del codice di procedura civile, qualora si contesti il potere del giudice di emettere il provvedimento.

Ora, se il legale che vi assiste lo fa a titolo gratuito, l'opposizione ex articolo 617 del codice di procedura civile può, forse, servire in un'ottica dilatoria, per guadagnare un mese o due di proroga della custodia dell'immobile: ma, temo, ci siano scarsi margini di successo nell'iniziativa.

11 gennaio 2018 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio » Avviso utenti morosi affisso al portone condominiale? E' diffamazione
Importantissima sentenza della Suprema Corte in materia di condominio: apporre l'avviso degli utenti morosi nel portone condominiale implica il reato di diffamazione. La comunicazione contenente i nominativi dei condomini morosi, affissa al portone condominiale, nonostante la morosità degli stessi fosse effettiva, costituisce una condotta diffamante, non essendoci nessun interesse da ...
Fermo amministrativo – è impugnabile il preavviso di fermo del veicolo di proprietà del debitore
È stata riconosciuta l'impugnabilità del preavviso di fermo di un veicolo dinanzi alla Commissione Tributaria. Il preavviso di fermo amministrativo è previsto dalla nota dell'Agenzia delle Entrate numero 57413/03, che impone ai concessionari di inviare al contribuente avviso di adempiere al pagamento delle somme indicate nel termine di venti giorni, ...
Dichiarazione dei redditi - La comunicazione di irregolarità è un atto impugnabile
Secondo giurisprudenza, è impugnabile un qualsiasi atto tributario che porti a conoscenza del contribuente una ben individuata pretesa, con l'esplicitazione delle concrete ragioni (fattuali e giuridiche) che la sorreggono. Non è dunque necessario attendere, per impugnare l'atto innanzi al giudice tributario, che tale pretesa si vesta della forma di uno ...
Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di ...
Ricorso – impugnabile la “comunicazione di iscrizione a ruolo” spedita a mezzo posta
Con la pronuncia numero 14373 del 15 giugno 2010, la Suprema Corte afferma che è possibile impugnare la comunicazione di iscrizione a ruolo delle somme dovute, spedita al contribuente debitore a mezzo del servizio postale. I giudici stabiliscono così un principio importante in materia di accertamento e contenzioso tributario, equiparando ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca