La revoca del custode è impugnabile?

Dopo 13 aste andate deserte, il Tribunale ci manda una notifica di andare via da casa entro 30 giorni perché ha deciso tramite un creditore di cambiare il custode perché secondo lui la casa non si vende essendoci noi dentro! Possiamo fare qualcosa? Il nostro legale dice che è una sentenza impugnabile: noi siamo senza lavoro ed essendo la prima casa non sappiamo dove andare.

L’ordinanza di sostituzione del custode è priva di efficacia definitiva e quindi è impugnabile solamente con l’opposizione agli atti esecutivi di cui all’articolo 617 del codice di procedura civile, qualora si contesti il potere del giudice di emettere il provvedimento.

Ora, se il legale che vi assiste lo fa a titolo gratuito, l’opposizione ex articolo 617 del codice di procedura civile può, forse, servire in un’ottica dilatoria, per guadagnare un mese o due di proroga della custodia dell’immobile: ma, temo, ci siano scarsi margini di successo nell’iniziativa.

11 Gennaio 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Casa all'asta per ipoteca a garanzia di un fratello
Nostro padre è deceduto senza lasciare testamento: Siamo tre figli e vi è una ipoteca a garanzia di un mutuo a favore di uno dei figli. Il mutuo non è stato più pagato e quindi la casa è stata messa all'asta. Vorrei sapere se possiamo rivalerci su nostro fratello per la perdita dell'immobile. Il debito ammonta ad un quarto del valore stimato dal perito d'asta. ...

Custode di immobile pignorato - In quali circostanze viene nominato il custode?
Hanno pignorato un immobile di mia proprietà: ora mi scrive un avvocato comunicandomi che è stato nominato custode dei beni pignorati nell'esecuzione immobiliare. Vorrei sapere se questo custode viene nominato di prassi sempre o solo in alcuni casi. ...

Dichiarazione dei redditi - La comunicazione di irregolarità è un atto impugnabile
Secondo giurisprudenza, è impugnabile un qualsiasi atto tributario che porti a conoscenza del contribuente una ben individuata pretesa, con l'esplicitazione delle concrete ragioni (fattuali e giuridiche) che la sorreggono. Non è dunque necessario attendere, per impugnare l'atto innanzi al giudice tributario, che tale pretesa si vesta della forma di uno degli atti dichiarati espressamente impugnabili dalle norme vigenti. Ne consegue che anche un avviso bonario (la comunicazione di irregolarità ai sensi del D.P.R. 600/1973, art. 36 bis, comma 3) portando a conoscenza del contribuente una pretesa impositiva compiuta, è immediatamente impugnabile. Questo l'orientamento espresso dai giudici di legittimità nell'ordinanza 25297/14. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La revoca del custode è impugnabile?