La pensione non mi basta per tirare avanti a causa di prestiti pregressi

Sono titolare pensione inps, ho 63 anni moglie e figlio a carico: prendo 1090 euro di pensione, pago 300 euro di affitto. Per gravi motivi, ho chiesto un prestito con cessione volontaria del quinto (rata 200 euro trattenuti dalla pensione) In precedenza pagavo ad un'altra finanziaria 200 euro per un prestito dove potevo disporre di 5000 euro, rimborsando 200 euro/mese. Ora non sono più in grado di pagarle, anche a causa che mia moglie, 63 anni non trova lavoro, e uguale per mio figlio. La seconda finanziaria può pignorarmi la pensione? In pratica pagato affitto, viviamo in 3 con 900 euro mese.

E' un classico dei nostri giorni, ormai, quello di dover tirare la "carretta" con una sola pensione, o un solo stipendio, avendo moglie e figli maggiorenni a carico, causa disoccupazione.

Dicono che ci sarà la ripresa e l'ISTAT sforna dati in tal senso: ma credo che ci stiano prendendo tutti in giro.

Lei, in pratica, compresa la cessione del quinto, percepisce un reddito da pensione di 1290 euro. La quota pignorabile (al netto del minimo vitale) è di 790 euro.

C'è sicuramente capienza per un pignoramento presso l'INPS avviato dalla finanziaria creditrice pari al 20% della parte pignorabile: cioè circa 160 euro.

Quindi, a fronte di un risparmio di soli 40 euro circa rispetto ai 200 che sarebbe chiamato a corrispondere attualmente, dovrebbe farsi carico di spese legali ed interessi (che allungherebbero le mensilità di rimborso) conseguenti ad un'azione esecutiva di pignoramento presso l'INPS.

In talune circostanze la possibilità di disporre di 40 euro/mese in più può significare tantissimo: a lei, dunque, la scelta.

Peraltro, per completezza d'informazione va aggiunto (ma si tratta solo di un'eventualità favorevole che non è destinata a realizzarsi con certezza) che la finanziaria potrebbe non procedere esecutivamente e preferire, invece, di mettere a perdita il credito e cederlo, successivamente, ad una società di recupero crediti.

In un tale scenario, potrebbe anche sperare di vedersi affrancato completamente dal dovuto rimborso.

1 giugno 2015 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione di reversibilità per il figlio superstite del pensionato deceduto
In caso di morte dei pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico dei genitore al momento dei decesso di questi, laddove il requisito della "vivenza a carico", se non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza, ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Reversibilità della pensione di invalidità al figlio maggiorenne - Solo se riconosciuto inabile al lavoro
In caso di morte del titolare di pensione di invalidità, la pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, mentre ai figli superstiti maggiorenni spetta soltanto se essi siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest'ultimo. L'inabilità al lavoro rappresenta, ...
Requisiti per il riconoscimento della pensione di reversibilità al figlio inabile del defunto
In caso di morte del pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di questi. Se il requisito dell'essere a carico del genitore defunto (vivenza a carico) non si identifica indissolubilmente con ...
Pensione ordinaria di invalidità e pensione di invalidità civile - Differenze
La pensione ordinaria di inabilità, prevista dell'articolo 2 della legge 222/1984, costituisce una prestazione di natura previdenziale, è collegata alla esistenza di un rapporto previdenziale, presuppone lo svolgimento di una pregressa attività lavorativa, ha come punto di riferimento la capacità lavorativa specifica dell'assicurato, è correlata alla impossibilità dello svolgimento in ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca