La notifica di un decreto ingiuntivo va effettuata al domicilio o alla residenza dell’ingiunto?

Argomenti correlati:

A dicembre 2016 ho lasciato una casa che avevo preso in affitto chiudendo le utenze, tutte utenze non residenziali, poichè non ho mai preso residenza in quella casa.

Fine 2017 mi contatta una società di recupero crediti dicendo che c’era una bolletta non pagata, chiedendomi il mio indirizzo per spedire la bolletta, informazione che mi sono rifiutato di fornire riattaccando. Dopo aver provato insistentemente a chiamarmi da numeri che avevo bloccato, giorni fa mi chiamano da cellulare dicendo che dovevo pagare entro quel giorno, di dargli la mia mail che mi avrebbero mandato tutto, che altrimenti mi avrebbero mandato un decreto ingiuntivo e che c’era una diffida legale che mi era stata inviata.

Io non ho fornito alcuna informazione, ho detto che avrei verificato col gestore e ho riattaccato. La domanda è: se avessero mandato effettivamente raccomandate al vecchio domicilio (che non è mai stato la mia residenza) di messa in mora eccetera, queste sarebbero valide?

Compresi eventuali atti giudiziari che potrebbero inviare successivamente? Aggiungo che il proprietario della mia precedente abitazione non mi ha mai avvisato di aver ricevuto raccomandate a mio nome.

Per inciso, a nostro parere, sta già concedendo alla questione un’attenzione che sicuramente non merita.

Tanto premesso, le confermiamo che qualsiasi comunicazione, che conservi valore legale, deve essere notificata presso la residenza del destinatario.

7 Febbraio 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, dimora, sono rilevanti solo nell'ipotesi in cui la notifica non sia stata effettuata nelle mani del destinatario. In pratica la notifica, effettuata direttamente nelle mani del destinatario, in particolare della cartella esattoriale relativa a sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, è legittima, anche se perfezionata in luogo diverso ...

Decreto ingiuntivo precetto e convivenza fra il debitore e la propria compagna » Come funziona il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore
Il quesito riguarda il precetto che seguirà al decreto ingiuntivo che mi è stato notificato a seguito del mancato rimborso del prestito acceso nel 2006 ed ora in mano ad Ifis; fermo restando che sono non occupato, nullatenente e possessore di un conto postale nel quale si trovano mediamente 200 €, volevo domandare se la mia convivente, presso la cui abitazione risiedo e che sostiene entrambi con la sua pensione, non si trovi nella sgradevole situazione di dover far fronte a richieste di qualsiasi tipo ( anche solo di dover dimostrare di aver pagato i mobili o gli elettrodomestici della ...

Legittima la notifica della cartella esattoriale effettuata presso la residenza del debitore e non al domicilio fiscale trattandosi di procedura più garantista per il contribuente
La disciplina delle notifica degli atti tributari (compresa la cartella esattoriale originata da mancato o insufficiente pagamento dei tributi) si fonda sul criterio del domicilio fiscale al quale, tuttavia, è connesso l'onere preventivo del contribuente di indicare all'Ufficio tributario il proprio domicilio fiscale e di tenere detto ufficio costantemente informato delle eventuali variazioni, sicché il mancato adempimento, originario o successivo, di tale onere di comunicazione legittima l'Ufficio procedente ad eseguire le notifiche comunque nel domicilio fiscale per ultimo noto. Tale disciplina è posta a garanzia dell'Amministrazione finanziaria, cui non può essere addossato l'onere di ricercare il contribuente fuori del suo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La notifica di un decreto ingiuntivo va effettuata al domicilio o alla residenza dell’ingiunto?