Naspi anticipata bloccata per debiti esattoriali del disoccupato

Ho già letto un articolo del pignoramento della Naspi anticipata (disocupazione anticipata): sono un padre di 4 bambini e sono rimasto senza lavoro e ho sentito che c'è la possibilità di avere la Naspi anticipata se si apre la partita iva. Ho aperto la partita iva, depositato i documenti e viene accolta.

Quando dovevano fare il bonifico mettono il pignoramento su tutta la somma 15 mila euro circa. Adesso mi ritrovo disperato senza lavoro, e senza la disoccupazione. A qualcuno e già successo leggendo sul forum, ma non spiega come e finita. Per cortesia se potete darmi una mano per poter uscire fuori da questo casino che mi hanno creato.

Non si tratta di pignoramento (almeno non ancora): quando l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS) deve effettuare un pagamento, a qualsiasi titolo, di importi superiori a cinquemila euro, è obbligato a verificare se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in caso affermativo, non deve procedere al pagamento ed è tenuto a segnalare la circostanza all'agente della riscossione competente per territorio, ai fini dell'esercizio dell'attività di riscossione delle somme iscritte a ruolo - in pratica un pignoramento presso terzi dell'importo dovuto dal terzo fino a soddisfazione del credito vantato (articolo 48 bis dpr 603/1973).

L'unico tentativo possibile da fare in questa situazione, nel caso in cui l'Agenzia delle Entrate Riscossione, dietro segnalazione dell'Inps, pignorasse l'intera NASpI, è quello di affidarsi ad un avvocato per tentare un ricorso al giudice dell'esecuzione, del tribunale territorialmente competente, eccependo che se l'indennità di disoccupazione fosse stata erogata mensilmente (e non anticipata in unica soluzione) ciascun rateo sarebbe stato pignorato del 20% e solo per l'importo eccedente il minimo vitale.

Prima che venga notificato il pignoramento delle somme spettanti e giacenti presso l'INPS, altro tentativo che il debitore potrebbe esperire è quello di chiedere un piano di rateizzazione del debito all'Agenzia delle Entrate Riscossione e pagare le rate almeno fino a quando non si sbloccasse la situazione e la NASpI anticipata venisse accreditata sul conto corrente del debitore. Capisco che sia difficile per un disoccupato adempiere al pagamento delle prime rate senza certezza del risultato: ma con l'aiuto di familiari ed amici si potrebbe raggiungere l'obiettivo e sarebbe comunque meglio che pagare l'onorario di un avvocato.

11 settembre 2019 · Paolo Rastelli

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione
trattenute ex articolo 48 bis dpr 602/1973

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca