La compagna di mio figlio potrebbe pignorare la mia rendita INAIL per il mantenimento dei due loro figli e miei nipotini?

Mi trovo in una situazione precaria: ho 70 anni, una pensione INPS sociale minima e mio figlio non è sposato ma ha due figli. La sua ex può pignorare la mia rendita inail? Sto praticamente vivendo solo con quella, avuta per malattia professionale da amianto.

L'articolo 147 del Codice civile, stabilisce che i coniugi hanno l'obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell'inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli".

Può accadere, tuttavia, che i genitori non abbiano i mezzi necessari per mantenere i figli.

In tal caso subentrano gli ascendenti (ad esempio i nonni), in base al successivo articolo 148, che stabilisce: Quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli altri ascendenti legittimi o naturali, in ordine di prossimità, sono tenuti a fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli.

Sull'argomento, è intervenuta anche la Cassazione, la quale con la sentenza 20509/2010, ha affermato che l'obbligo degli ascendenti è esclusivamente di natura sussidiaria ed eccezionale rispetto a quello dei genitori.

Inoltre, l'articolo 110 del dpr 1124/1965 dispone che le indennità corrisposte in seguito ad infortuni sul lavoro o a malattie professionali non possono essere cedute per alcun titolo, né possono essere pignorate o sequestrate, tranne che per spese di giudizio alle quali l'assicurato o gli aventi diritto, con sentenza passata in giudicato, siano stati condannati in seguito a contenzioso sorto sulle disposizioni contenute nel decreto stesso.

Dunque la rendita INAIL, erogata in seguito ad infortunio sul lavoro o malattia professionale, é impignorabile.

Tuttavia, la Corte Costituzionale, con sentenza 572/1989, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'articolo 110 del dpr 1124/1965, nella parte in cui non consente la pignorabilità delle rendite erogate dall'INAIL per crediti alimentari dovuti per legge.

Alcune sentenze (Corte Costituzionale 1041/1988 e Corte di Cassazione 25043/11) sembrano fissare ad 1/3 della quota pignorabile del reddito percepito dall'obbligato il tetto massimo prelevabile per soddisfare crediti di natura alimentare.

Possiamo concludere che la rendita INAIL, erogata in seguito ad infortunio sul lavoro o malattia professionale, non è pignorabile per debiti di natura ordinaria (banche, privati, finanziarie) o esattoriale (quando il creditore è la pubblica amministrazione), mentre è pignorabile fino ad un massimo di un terzo per debiti di natura alimentare (assegno di mantenimento a coniuge e figli).

Infine, va segnalato che il tribunale di Verona, nel febbraio 2012, aveva pignorato, su iniziativa della nuora, lo stipendio del suocero perché il coniuge separato non versava gli alimenti ai due figli nati dal matrimonio.

Certamente non si tratta del caso in esame: la convivente di un figlio non è equiparabile ad una nuora nuora (anche se alcuni giudici "progressisti" propendono, ormai, ad assimilare la convivenza, etero o omosessuale, al matrimonio).

10 settembre 2018 · Ornella De Bellis

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento rendita inail
selezione - pignoramento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca