INPS dopo 24 anni mi chiede il pagamento del debito che ora sono in CIGS...

buon giorno! ricevo oggi per raccomandata la comunicazione dall'INPS, che ha per oggetto: interruzione termini prescrizionali per contributi,sanzioni e oneri accessori dovuti alla gestione aziende con dipendenti dell'Inps per importo di € 16.000,00 periodo anno 1988.

L'azienda è stata dichiarata fallita nel 1989 ed il fallimento chiuso nel 1990. Ora io sono un impiegato in cassa integrazione straordinaria dal mese di gennaio 2011 con termine fissato 16 ottobre, ho a carico moglie e due figli minorenni.
Cosa devo fare? Quale strada devo intraprendere?

Evidentemente L'INPS le ha già inviato in precedenza altre comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione. Se non ne è convinto, deve accedere agli atti presso l'INPS e verificarlo.

Qualora la pretesa non sia prescritta, l'unica cosa da fare è attendere il pignoramento del quinto dello stipendio appena sarà nelle condizioni di percepire uno (speriamo quanto prima).

18 maggio 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cassa integrazione del lavoratore? » C'è possibilità di altro impiego
Nella fattispecie in cui un lavoratore dipendente sia finito, malauguratamente, in cassa integrazione, può svolgere comunque un altro impiego senza decadere dal beneficio? Il lavoratore collocato in cassa integrazione straordinaria può sempre percepire, insieme a tale integrazione salariale, ulteriori redditi derivanti da collaborazioni con altri datori di lavoro. Non esiste, ...
Regime transitorio di prescrizione per crediti contributivi INPS
Ove una nuova legge stabilisca un termine di prescrizione più breve di quello fissato dalla legge anteriore, il nuovo termine si applica anche alle prescrizioni in corso, ma decorre dalla data di entrata in vigore della legge che ne ha disposto l'abbreviazione e, naturalmente, questo principio si applica solo alle ...
Fallimento del datore di lavoro » Se giudice dispone il pagamento del Tfr ai dipendenti dall'Inps quest'ultimo non può contestarlo
In caso di fallimento del datore di lavoro, qualora il giudice delegato del fallimento abbia disposto il pagamento, ai dipendenti, del Tfr da parte dell'Inps, quest'ultimo non può contestare tale decisione. L'esecutività dello stato passivo che abbia accertato in sede fallimentare l'esistenza e l'ammontare di un credito per TFR in ...
Mantenimento » Se ex coniuge è cassaintegrato ma dispone di auto di lusso non ha diritto alla riduzione dell'assegno
Niente riduzione dell'assegno di mantenimento al cassintegrato con l'auto di lusso. Il coniuge in cassa integrazione non ha diritto alla riduzione dell'assegno di mantenimento in favore di ex e figli se possiede un'auto di lusso. Non basta. Infatti non è necessario per l'avente diritto dimostrare che l'altro è titolare di ...
Contributi silenti inps » Cosa sono e come recuperarli
In tema di lavoro, si sente spesso parlare di contributi silenti versati all'Inps: ma nel dettaglio, di cosa si tratta? Come è possibile recuperarli? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Il problema dei contributi versati all'Inps che non sono sufficienti a maturare alcun trattamento, meglio noti come contributi silenti, è una questione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca