Italia paese di debitori – La crisi aumenta i debiti

Ci sono soprattutto piccoli o grandi drammi familiari dietro le cifre sul recupero crediti contenute nel rapporto Unirec (Unione nazionale delle imprese recupero crediti) diffuso oggi. Famiglie, tante e sempre di più, che sono state costrette ad alzare bandiera bianca davanti alla rata di un mutuo, di un prestito o persino di fronte ad una bolletta della luce o del gas. Nel 2011 i crediti da recuperare hanno raggiunto quota 38 miliardi di euro con un balzo del 22% rispetto all’anno prima e il doppio rispetto a cinque anni fa. L’80% di questa montagna di denaro è costituita da mancati pagamenti delle famiglie. Le pratiche avviate sono ben 32 milioni per un importo medio di 1152 euro a famiglia, ossia 195 euro in più del 2010 nonché record assoluto dal 2007. In quasi sei casi su dieci si tratta di bollette di elettricità, gas, acqua o telefono. Il resto è costituito da rate di mutui, prestiti o delle micidiali carte di credito revolving che permettono di pagare a rate ma con tassi di interesse che possono arrivare fino al 25%. Per non affogare ci si aggrappa sempre più spesso alle cambiali, aumentate del 40% negli ultimi tre anni. Non di rado non si fa però altro che rimandare la resa dei conti tanto che il 27% dei “pagherò” rimane poi inevaso.

Per una volta, ma è una ben amara constatazione, il paese si mostra unito e senza grandissime differenze tra Nord e Sud. A furia di tirarla la cinghia si è spezzata in Lombardia come in Sicilia, nel Lazio come in Campania. La situazione peggiore riguarda la Sicilia dove i crediti da recuperare ammontano a 6,7 miliardi di euro, il 17% del totale. Le pratiche sono 4 milioni e 900 mila su una popolazione di 5 milioni di abitanti, forzando un po’ la statistica è come se ogni siciliano avesse un debito da 1340 euro da saldare. In valori assoluti dopo la Sicilia si trovano Campania e Lombardia entrambe con un valore dei mancati pagamenti che supera i 4 miliardi di euro. Seguono il Lazio (3,4 miliardi), la Puglia (2,5 miliardi), il Piemonte (2,4 miliardi), la Toscana (2,2 miliardi), l’Emilia Romagna (2,1) e la Calabria (2 miliardi).

La differenza tra Nord e Sud rimane per quel che riguarda la quota di crediti che alla fine delle procedure si riescono effettivamente a recuperare. Il tasso di recupero più basso si registra in Calabria (18,5%) che si confronta con il 27% della Lombardia. Tutte le regioni mostrano comunque un peggioramento rispetto agli scorsi anni anche da questo punto di vista. Facile indovinare come andrà nel 2012: peggio. Stando alle indicazioni dei primi mesi l’anno si chiuderà con un ammontare di crediti da recuperare superiore ai 39 miliardi di euro, con un ulteriore aumento del 2,6%.

di Mauro Del Corno da Il Fatto Quotidiano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti contratti in paese extra UE e rientro in Italia
Differente da molti qui nel forum, il mio cammino e´opposto: dopo 12 anni in paese Extra UE dove ho residenza e iscrizione AIRE ho deciso di ritornare a vivere in Italia. Il problema e´che dove vivo (Brasile) ho contratto vari debiti con Banche e fornitori. Non ho invece debito con il Fisco. Dal forum si capisce ed e´ovvio che una procedura di recupero crediti può essere avviata da eventuali creditori se ritenessero economicamente fattibile recuperare le somme dovute. Ma quello che più mi preoccupa e´se in un secondo momento volessi comprare casa o accedere ad un prestito in Italia le ...

Ho dato il sangue in Italia – ora non ho più futuro, né qui nè al mio paese
Sono un straniero, titolare di una ditta a conduzione familiare, nella quale mio fratello risulta come socio. Abbiamo lavorato un anno intero nei cantieri edili, e mi creda abbiamo dato il sangue. Siamo stati dall'inizio atratti nel vortice deii subappalti e abbiamo fatturato circa 50000 euro (tutta manodopera). Le devo dire che con la concorrenza che c'è e i prezzi della manodopera che girano, dopo un anno ci ritroviamo senza un euro e con un sacco di debiti allo stato (inps, inail e tasse sui redditi). Ieri un'agenzia chiamata Equitalia Gerit spa mi ha mandato una cartella di pagamento per ...

Con la crisi prosperano le società di recupero crediti
Dalle insolvenze buoni affari per le agenzie di recupero: è boom per i casi di insolvenza, grandi e piccoli debiti, fino alle bollette della luce e del gas. La tenaglia della crisi si fa sentire. Aumentano così i contenziosi e i pignoramenti, mentre le agenzie di recupero crediti continuano a fare buoni affari. I bilanci delle prime dieci società italiane specializzate nel settore, consultati dall'Adnkronos, indicano in quasi 150 milioni di euro i ricavi da recupero crediti nel 2011. Il fatturato conferma il deciso trend di crescita del mercato di questi ultimi anni, anche se il numero delle imprese ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Italia paese di debitori – La crisi aumenta i debiti