ISEE universitario – Chiarimenti

Vorrei qualche chiarimento sulla questione dello studente “autonomo”.
Sono iscritta all’università dal 1989. Dopo aver sospeso di fatto gli studi, ho ripreso qualche anno fa (pur rimanendo sempre iscritta). Nel frattempo mi sono sposata (dodici anni fa), ho avuto un figlio e le mie vicende lavorative e reddituali hanno subito variazioni. In questo ultimo periodo, però, sia io sia mio marito siamo disoccupati e con un reddito al di sotto dei 6500 euro: possibile che per la dichiarazione Isee ai fini universitari io ora debba far riferimento al nucleo familiare di mia madre? Anche se andiamo avanti con difficoltà di certo non è mia madre a mantenermi, la mia famiglia è autonoma ormai da anni e con immensi sacrifici sto riuscendo a pagare le rate. Perché devo determinare le tasse universitarie facendo riferimento ad un reddito che non mi appartiene assolutamente? Grazie.

La legge, naturalmente, cerca di regolare fattispecie frequenti e diffuse, e così può capitare che situazioni particolari, come la sua, vengano penalizzate. Non è certamente il suo caso, ma in genere una famiglia composta da marito e moglie, con un figlio minorenne a carico, oggi come oggi, è un miracolo se riesce a tirare avanti con un reddito complessivo, prodotto da entrambi i coniugi, inferiore ai 6 mila e 500 euro, per di più nell’ambito di una sistemazione abitativa autonoma rispetto a quella dei genitori di entrambi. Se poi, in un tale contesto, uno dei coniugi decide addirittura di frequentare l’università, la presunzione che la coppia possa disporre di un aiuto economico esterno è immediata. Ed ecco perché, per l’accesso al beneficio della riduzione delle tasse universitarie, nel tentativo di ottenere una graduatoria fra gli studenti che tenga effettivamente conto delle reali capacità di reddito di ciascuno, vengono inclusi nel nucleo familiare dello studente i soggetti che con maggiore probabilità quel reddito sono chiamati ad integrare, ovvero i genitori, anche se non conviventi.

17 Ottobre 2017 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Isee Universitario con due fratelli che producono reddito di cui uno solo convivente con la studentessa
Sono una studentessa universitaria convivente nel nucleo familiare di origine, la domanda non riguarda tanto me quanto i miei fratelli, sono entrambi maggiorenni, lavorano e producono reddito per conto proprio, il maggiore non ha residenza nel nucleo familiare originario, mentre il più piccolo sì. Vorrei sapere se devo comunque inserirli entrambi in fase di compilazione dell'ISEE? Ho letto che spesso viene detto che se risultano a carico Irpef dei genitori vanno comunque inseriti? Come capisco questa cosa del carico Irpef? ...

ISEE per l'università - Ulteriori chiarimenti
In riferimento a questo mio precedente post intendo chiarire che, in pratica la Federico II non chiede l'ISEEU, ma chiede semplicemente l'ISEE. Che io sappia, l'ISEEU fa riferimento ai genitori, ma l'ISEE? Devo fare comunque riferimento ai miei genitori? oppure devo tener conto del nucleo familiare di residenza? ...

ISEE universitario e stato di famiglia
Ho 24 anni, da tempo non vivo più e non ho più contatti con i miei genitori e ho un reddito da lavoro: la mia residenza però è rimasta quella dei miei genitori in quanto, per ora, vivo ospite da un amico. Mi trovo ora a dover compilare l'ISEEU ma non ho modo di avere i dati della mia famiglia, e mi sembra assurdo dover pagare 3480 euro di rata massima annuale all'università pubblica con 10.000 euro di reddito annuo. Come posso fare? ...

Dove mi trovo?