ISEE università: vivo da sola da poco, lavoro e ho i genitori divorziati

E' da settimane che pongo il caso a vari Caf della mia città e finora mi hanno dato opinioni differenti sul mio caso.

Vivo da sola da Marzo 2015 in una casa in affitto.
Ho un mio reddito nel 2015 (full time tempo indeterminato) e nel 2013 invece ho lavorato 6 mesi con contratto a progetto per mille euro al mese.

Fino a febbraio 2015, vivevo con mia madre e suo marito. (Anche se tra il 2011 e il 2012 ho spostato per un anno circa la mia residenza a Milano dove ho lavorato per un periodo).

Mio padre invece vive con sua moglie ed hanno due figli. Secondo la sentenza di divorzio era previsto il mantenimento nei miei confronti (quando ho iniziato a lavorare ha smesso di sua iniziativa a darmi il mantenimento).

La mia domanda è molto semplice: per l'isee per l'università, devo dichiarare solo me? Oppure devo inserire anche mia madre e suo marito? O ancora (con la novità 2015) devo anche inserire mio padre con la sua nuova famiglia?

Ogni caf mi ha fornito una di queste risposte e non so più a chi credere.

Quante persone devono risultare nel mio Isee anche se ormai vivo da sola e ho un lavoro?

Lei non può essere considerata, ai fini dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l'Università, una studentessa indipendente dal nucleo familiare dei suoi genitori; infatti, a differenza di quanto è richiesto, lei non risiede fuori dall'unità abitativa della famiglia di origine, da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda di iscrizione per la prima volta a ciascun corso di studi (peraltro, in alloggio non di proprietà di un membro della sua famiglia di origine).

Dunque, lei fa parte del nucleo dei genitori, anche se non convivente anagraficamente con essi. Il nucleo familiare di origine è quello di sua madre e del marito di sua madre.

Lei dunque, è come se fosse convivente con sua madre e con il marito di sua madre.

Infine, va tenuto conto che se i genitori dello studente sono divorziati, il genitore non convivente viene escluso dal nucleo familiare.

Possiamo, dunque, escludere suo padre dal nucleo familiare ai fini ISEEU, in quanto divorziato.

Concludendo: il suo nucleo familiare ai fini ISEEU è costituito da lei, studentessa, da sua madre e dal marito di sua madre.

6 novembre 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ISEEU - ISEE per Università
nucleo familiare ISEE/ISEEU e famiglia anagrafica

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti
L'esclusione o la diminuzione dell'assegno di mantenimento non legittima la restituzione delle somme percepite precedentemente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 23441/13, ha sancito che: Se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, non è legittima la restituzione ...
Mantenimento figlio trentenne » Legittimo se studia e non ha un lavoro
Maschio, 30 anni, laureato, precario, con alcuni rapporti di lavoro alle spalle e a caccia non solo di occupazione ma anche di specializzazione. Sembra l'annuncio pubblicato da un'azienda, e, invece, è la fotografia, sempre più realistica, dei giovani italiani, con potenziali ripercussioni non solo sull'economia nazionale ma anche sugli equilibri ...
Mantenimento » Si ad assegno divorzile se ex marito fa carriera ed ex moglie no
Mantenimento post divorzio: Si ad assegno se ex marito fa più carriera dell'ex moglie » Sentenza Cassazione Sì all'assegno di mantenimento in favore della moglie se l'ex marito fa carriera e lei no. Questo importante concetto è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 23080/13, ha ...
Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca