Iscrizione Università a Roma - Come accedere a no tax area?

Sto per iscrivermi alla facoltà di Giurisprudenza della Sapienza: mi sono trasferita da Reggio Calabria qualche mese fa.

Al momento, mi mantengo come barista part-time, sono in regola, e guadagno circa 600 euro al mese.

Vivo a casa di mia nonna, che aveva un appartamento a Roma da tanti anni, al momento deceduta: ho trasferito qui la mia residenza.

Vorrei sapere se rientro, alla luce della nuova normativa, nella no tax area per quanto riguarda le spese universitarie.

La no tax area introdotta a partire dal 2017 si rivolge a tutti gli studenti iscritti al primo anno o a quelli successivi in tutte le Università statali: per chi ha un reddito da modello Isee inferiore ai 13.000 euro è prevista, per il primo anno, l'esenzione totale dal pagamento dalle tasse universitarie.

Dunque, la no tax area per l'università, è la soglia di reddito al di sotto della quale gli studenti universitari beneficiano delle agevolazioni circa l'importo da pagare per essere iscritti alla facoltà universitaria scelta.

Tale soglia, dall'anno accademico 2018 è stata aumentata e fissata per legge.

Di conseguenza la nuova tax area università ISEE è a 13.000 euro ed è valida in tutte le Università statali.

Ciò significa che le tasse universitarie per chi ha un ISEE fino a 13.000 euro saranno, come descritto in seguito:

  • per gli studenti di primo anno prevista l'esenzione totale dal pagamento dalle tasse universitarie.
  • per gli Studenti di secondo anno e oltre l'esonero dalle tasse universitarie è mantenuto solo se entro una certa scadenza, agosto, vengono raggiunti determinati requisiti di merito: 10 crediti per chi è iscritto al secondo anno e 25 crediti per chi è iscritto dal terzo in poi fino al primo anno fuori corso.

Dunque, presentando il suo ISEE, dato che lei forma un nucleo familiare a sé, fornirà una dichiarazione annuale pari a 7200 euro: ciò vuol dire che ha pieno diritto, per il primo anno, all'esenzione dalle tasse universitarie.

Per gli anni successivi dovrà mantenere i parametri sopra indicati per non pagare le tasse.

21 dicembre 2017 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

nucleo familiare ISEE/ISEEU e famiglia anagrafica

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni prima casa per immobile in costruzione
La circostanza che l'immobile fosse in costruzione al momento della registrazione dell'atto di compravendita e che, solo dopo un biennio dall'acquisto, sia stato rilasciato il certificato di abitabilità non rileva ai fini della normativa che richiede, quale condizione per fruire dei benefici fiscali per l'acquisto prima casa, il trasferimento della ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Pignoramento esattoriale da parte dell'ufficiale giudiziario
Vorrei sapere se è vero quanto ho sentito in base al dpr 73/602, e cioè che il pignoramento esattoriale presso la residenza del debitore può essere opposto in base all'oposizione scritta nell'art 58 terzo comma del citato dpr. Allego parte del articolo 58 che interessa: Il coniuge, i parenti e ...
Conto corrente di persona deceduta ed eredi » Il quadro
A volte gli eredi possono incontrare difficoltà nello svincolare somme depositate nel conto corrente di un soggetto deceduto. La mancata conoscenza della normativa vigente, inoltre, è fonte di soggezione verso il contraente forte, il quale spesso impone le sue regole. Come agire in questi casi? Vi diamo qualche suggerimento. Gli ...
Bonus prima casa e mancato trasferimento della residenza - Il termine triennale per notificare la revoca del beneficio decorre a partire dal diciottesimo mese successivo alla registrazione dell'atto di acquisto
In tema di agevolazioni fiscali cosiddette prima casa, il mancato trasferimento della propria residenza, da parte dell'acquirente a titolo oneroso di una casa non di lusso, nel comune ove è ubicato l'immobile, entro 18 mesi dall'acquisto, comporta la decadenza dal beneficio. In tal caso, il termine triennale di decadenza a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca