Iscrizione ipotecaria per mancato assegno di mantenimento

Ho effettuato un'iscrizione ipotecaria su un bene immobile utilizzando come titolo una sentenza di separazione che prevedeva il pagamento di un assegno di mantenimento del proprietario nei confronti della moglie.

Il mio quesito è: se il debitore decide di vendere l'immobile a terzi, il terzo acquirente - prima di acquistare la proprietà - dovrà estinguere l'ipoteca?

Si tenga presente che la mia iscrizione ipotecaria riguarda gli assegni di mantenimento futuri (ho calcolato l'assegno moltiplicandolo per gli anni per i quali - presumo - la minore rimarrà a carico della madre)

Se il debitore aliena il bene ipotecato, l'acquirente chiederà conto, al creditore garantito da ipoteca sull'immobile, della consistenza del credito eventualmente vantato e pretenderà che parte della somma pattuita per il trasferimento di proprietà sia destinata a soddisfare il debito eventuale nel frattempo formatosi a carico del debitore, onde ottenere dal creditore ipotecario la liberatoria per la cancellazione di ipoteca.

18 maggio 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ipoteca giudiziale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Effetti dell'iscrizione ipotecaria in caso di mancato rinnovo prima della scadenza ventennale
Come è noto, il codice civile (articolo 2847) dispone che l'ipoteca su un immobile conserva il suo effetto per venti anni dalla data di iscrizione: l'effetto cessa se l'iscrizione non è rinnovata prima che scada detto termine. Tuttavia, il termine ventennale è volto a disciplinare soltanto gli effetti dell'iscrizione ipotecaria, ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...
Comunicazione di iscrizione di ipoteca esattoriale - Non è necessario riportare nell'atto le rendite catastali
La Commissione Tributaria Regionale, adita dal contribuente, aveva annullato una iscrizione ipotecaria per il mancato pagamento di una cartella esattoriale. Il giudice di merito aveva rilevato che l'atto notificato, essendo preordinato all'espropriazione immobiliare, non consentiva di valutare la congruità del valore iscritto per la mancata indicazione delle rendite catastali degli ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca