Iscrizione in CRIF per una sola rata di prestito pagata in ritardo con preavviso inviato tramite posta ordinaria – La procedura è corretta?

Ho avuto un avviso per posta ordinaria, a luglio 2018, di iscrizione in CRIF da parte della mia Banca per una rata pagata in ritardo di aprile 2018. Al momento della ricezione dell’avviso tutti i pagamenti erano già stati riallineati e saldati, non vi era alcun canone arretrato. Nonostante le rimostranze alla mia banca di non procedere a tale iscrizione in quanto il tutto era già in linea, mi è stato risposto che non era possibile bloccare la procedura.

Chi ha ragione? Possono avvisarmi solo per posta ordinaria?

La normativa vigente prevede l’obbligo di un preavviso al debitore che ritarda il pagamento di una rata del prestito per allertarlo sulla sua imminente iscrizione nella Centrale Rischi degli Intermediari Finanziari (CRIF): il pagamento della rata è considerato in ritardo se effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza.

La comunicazione può essere inoltrata via posta ordinaria: se si può dire, questo rappresenta, paradossalmente, un vantaggio per il debitore, dal momento che quest’ultimo potrà sempre negare di aver ricevuto la missiva e chiedere in via, arbitrale (ABF) o giudiziale (AGO) l’annullamento della segnalazione a proprio carico in quanto, potrebbe asserire che, se l’avesse ricevuta per tempo avrebbe provveduto ad adempiere evitando l’iscrizione in centrale rischi.

Nel suo caso, tuttavia, la contestazione così congegnata sarebbe inutile perché quando lei paga il mese successivo due rate per compensare quella omessa al mese precedente ha già consumato il ritardo e non può più evitare la segnalazione (a cui la banca deve obbligatoriamente procedere se aderente al CRIF).

Voglio dire: il problema è che il preavviso di segnalazione in CRIF (non importa se per posta ordinaria o posta raccomandata) avrebbe dovuto esserle fatto pervenire prima della scadenza dei trentesimo giorno di ritardo, per darle modo di pagare la rata, prima che maturasse il ritardo di trenta giorni, requisito minimo per la procedura di iscrizione in CRIF.

Ecco, questo è quello che lei potrebbe eccepire in sede arbitrale (ABF) per contestare la segnalazione a suo carico effettuata dalla banca creditrice: sì, il preavviso mi è stato recapitato, ma quando non mi sarebbe stato più possibile adempiere per evitare la segnalazione; la ratio del preavviso di segnalazione è, infatti, proprio quella di dare modo al debitore di ravvedersi, non certo per informarlo di un fatto compiuto.

Ma attenzione: se lei ha accettato, formalmente, di ricevere le comunicazioni (estratti di conto corrente, avvisi, eccetera) con notifiche via web, potrebbe trovare un avviso di ritardo nel pagamento della rata nella sezione apposita di cui sono dotati tutti i portali bancari. Ed allora provare ad avere ragione in sede arbitrale o giudiziale potrebbe diventare più complicato.

10 Settembre 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Omesso preavviso di segnalazione in CRIF per ritardo nel pagamento delle rate di un prestito
A luglio 2018 ricevo come azienda, per posta "ordinaria", avviso di prossima iscrizione in Crif per una rata di aprile non pagata (€ 280,00). In quel momento le rate erano coperte. Nonostante la mia segnalazione alla banca di non procedere, la stessa mi comunica che la procedura parte in automatico, pertanto anche se al momento della contestazione la mia posizione bancaria è regolare, non possono intervenire. Chiedo: 1. è corretto una comunicazione solo per posta ordinaria? 2. posso intraprendere un'azione nei loro confronti? 3. posso pretendere la cancellazione immediata di questa segnalazione dalla crif? ...

Segnalazione in CRIF per ritardo nel pagamento di una rata di rimborso del prestito?
A dicembre 2017 mi sono accorta di essere stata segnalata in CRIF dalla finanziaria creditrice per un ritardo nel pagamento della rata mensile relativa ad un finanziamento, poi estinto a marzo. Ho scritto alla società erogatrice del prestito reclamando la cancellazione in quanto non mi è stata mai notificato niente né con raccomandata né con posta ordinaria. Non mi ha mai risposto. Allora mi sono rivolta ad un'agenzia di Roma che sbandiera in internet la cancellazione garantita.Infatti mi hanno derubato di 500 euro e dopo 2 mesi mi hanno inviato una mail sintetica in cui venivo informata la mia richiesta ...

Tentativo di cancellazione CRIF eccependo omesso preavviso di imminente iscrizione
A seguito di ritardi di pagamento (più di 8) su un finanziamento per l'acquisto dell'auto con Unicredit financial e poi regolarmente estinto a giugno 15 mi sono appellato per la cancellazione/rettifica dei miei dati in Crif vista la violazione dell'articolo 4 comma 7 del codice di deontologia e di buona condotta; quali speranze ho? Non ho mai ricevuto nemmeno con posta normale un avviso di iscrizione a tale centrale rischi e ad oggi sono riuscito a regolarizzare il CTC con lo stesso cavillo. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Iscrizione in CRIF per una sola rata di prestito pagata in ritardo con preavviso inviato tramite posta ordinaria – La procedura è corretta?