Ipoteca su immobili: dubbi di illegittimità

Nel 2007 Equitalia ha iscritto un'ipoteca legale sugli immobili della famiglia di mia mamma per la sola quinta parte che riguarda uno dei suoi fratelli. La storia è venuta fuori solo ora in quanto, con il consenso di tutti i fratelli, si stava provando a vendere alcuni di questi immobili. Il motivo dell'iscrizione a ruolo e` l'inadempienza del pagamento delle rate di affitto al comune per l'abitazione in cui vive, abitazione di proprietà del comune stesso.

La cifra complessiva iscritta a ruolo era di 27000 euro diventati 32000 al momento dell'iscrizione dell'ipoteca. La domanda è la seguente: in base alla sentenza della Cassazione 2009 – Commissione Tributaria Regionale di Milano n. 46/08/10 depositato il 28/04/2010 la quale conferma che "l'ipoteca legale è iscrivibile solo a imposte dirette e indirette con esclusione di Contributi e multe", siamo in presenza di un'ipoteca illegittima? Se si, come si può risolvere ? Grazie.

Per la riscossione delle somme non pagate (articolo 49 DPR 602/73) il concessionario della riscossione può promuovere azioni cautelari e conservative, nonché ogni altra azione prevista dalle norme ordinarie a tutela del creditore.

Decorso inutilmente il termine di sessanta giorni (art. 77 DPR 602/73) il ruolo costituisce titolo per iscrivere ipoteca sugli immobili del debitore e dei coobbligati per un importo pari al doppio dell'importo complessivo del credito per cui si procede. L'agente della riscossione, anche al solo fine di assicurare la tutela del credito da riscuotere, può iscrivere la garanzia ipotecaria purchè l'importo complessivo del credito per cui si procede non sia inferiore complessivamente a ventimila euro (ratione temporis: 8 mila euro).

Dunque, la legittimità dell'iscrizione di ipoteca da parte di Equitalia è fuori discussione. Quello di cui si potrebbe discutere è la legittimità dell'iscrizione a ruolo da parte del Comune per il debito maturato in conseguenza all'omesso pagamento dei canoni per l'occupazione della casa comunale.

La giurisprudenza della Corte di cassazione ha sancito più volte che, ad esempio in riferimento alle sanzioni amministrative, non è autonomamente impugnabile il provvedimento con il quale l'amministrazione finanziaria iscrive ipoteca su un immobile di proprietà dell'ingiunto a meno che il ricorrente, formalmente impugnando l'avviso di iscrizione ipotecaria non intenda eccepire la nullità del titolo esecutivo su cui l'iscrizione ipotecaria fonda.

In altre parole, l'unica strada per impugnare l'iscrizione ipotecaria esattoriale appare quella di contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito che l'origina o eccepire la violazione di altre norme quali l'omessa notifica del provvedimento cautelare (o degli atti presupposti) e l'incongruità del debito (che deve essere oggi inferiore ai ventimila euro e ieri inferiore agli ottomila).

Peraltro, la sentenza della CTR milanese che lei cita, e che noi non abbiamo avuto modo di ritrovare nella sua integrale estensione, sembra essere una pronuncia a favore dell'obbligo di notificare una intimazione di pagamento al debitore prima dell'iscrizione d'ipoteca (che è tutt'altro problema rispetto a quello prospettato).

11 giugno 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ipoteca esattoriale società

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunicazione di iscrizione di ipoteca esattoriale - Non è necessario riportare nell'atto le rendite catastali
La Commissione Tributaria Regionale, adita dal contribuente, aveva annullato una iscrizione ipotecaria per il mancato pagamento di una cartella esattoriale. Il giudice di merito aveva rilevato che l'atto notificato, essendo preordinato all'espropriazione immobiliare, non consentiva di valutare la congruità del valore iscritto per la mancata indicazione delle rendite catastali degli ...
Ipoteca esattoriale volontaria legale e giudiziale
La legge attribuisce efficacia di titolo esecutivo al ruolo – vale a dire, l'elenco dei debitori e delle somme da essi dovute – formato dalla Pubblica Amministrazione ai fini della riscossione a mezzo concessionario; così consentendo la formazione del detto titolo sulla base di un atto della stessa amministrazione, senza ...
Iscrizione ipotecaria esattoriale - insufficienza dell'estratto di ruolo
Illegittima l'iscrizione ipotecaria se Equitalia ha depositato al Conservatore il solo "estratto di ruolo". L'articolo 77 del DPR numero 602/1973 impone che per procedere all'iscrizione dell'ipoteca l'Agente della riscossione deve produrre al Conservatore il ruolo, che ai sensi dell'articolo 12 dello stesso decreto costituisce il titolo esecutivo, o altrimenti deve ...
Ipoteca illegittima - risarcimento del danno
Se l'iscrizione di ipoteca è illegittima, il proprietario ha diritto al risarcimento dei danni subiti La Cassazione ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno subito dal proprietario di un immobile a causa di un'illegittima e imprudente iscrizione di ipoteca giudiziale poiché è possibile la compromissione della “commerciabilità” del bene ...
Illegittima iscrizione di ipoteca esattoriale - la cancellazione va richiesta al giudice tributario mentre l'istanza di risarcimento danni va presentata al giudice ordinario
L'iscrizione di ipoteca esattoriale su immobili è atto impugnabile davanti al giudice tributario, qualora i crediti garantiti dall'ipoteca abbiano natura tributaria. Così alla Commissione Tributaria Provinciale (CTP) va indirizzata la domanda di cancellazione dell'ipoteca per l'asserita insussistenza della pretesa tributaria sottostante all'iscrizione ipotecaria. La decisione sulla condanna alla cancellazione del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca