Intimazione di pagamento – Richiesta di ulteriori chiarimenti

In riferimento a questa discussione vorrei aggiungere che non mi è chiaro se oggi che ho ricevuto questo atto di intimazione con scadenza 5 giorni i beni siano stati già individuati e Equitalia attenda il passare di questo tempo per pignorarli oppure se questo atto non abbia altro che gli effetti, ossia sia uguale, a una normale cartella con scadenza 60 giorni (ma con tempistiche diverse).

Mi spiego meglio: anche in una cartella dopo 60 giorni potrebbe, in via teorica, già dal 61-esimo scattare il fermo auto, ipoteca ecc ecc. nei fatti però non avviene, generalmente ci vuole sempre un po di tempo (magari qualche mese). Quindi gli effetti di questo atto di intimazione sono i medesimi e con gli stessi tempi di un cartella (fermo restando che iniziano dopo 5 giorni e non 60) oppure sono molto + rapidi?

Sto cercando di calcolarmi in modo molto indicativo dei tempi, perchè se decorsi i 5 giorni inizia la ricerca prima di beni mobili e immobili e poi presso terzi i tempi (di pignoramento del conto) non sono immediati, ma se invece la ricerca è già stata fatta e attendono solo il passare dei 5 giorni allora è molto diverso..

Per rispondere alla sua domanda bisogna considerare che la ricerca dei beni pignorabili del debitore ha un costo in termini di tempo che il funzionario preposto a seguire la pratica dovrebbe comunque impegnare (partiamo dal presupposto che l’accesso all’anagrafe tributaria sia gratuito per Equitalia).

Sarebbe antieconomico, oltre che da irresponsabili, organizzare una strategia aziendale di riscossione coattiva che anteponesse la ricerca dei beni pignorabili del debitore alla scadenza del termine di 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale o dei 5 giorni dalla data di notifica dell’intimazione al pagamento.

E, se nei termini suddetti, il debitore adempisse?

Per risolvere la sua esigenza di guadagnare tempo, l’unica seria soluzione percorribile appare quella di chiedere la rateizzazione del debito: certo, non si tratta di un escamotage a costo zero, la rata viene calcolata anche su cinque anni ma in relazione all’intero debito iscritto a ruolo (quindi su tutte le cartelle) precludendo anche la possibilità di presentare un eventuale ricorso in caso di successivo accertamento dell’intervenuta prescrizione.

29 Settembre 2016 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione cartelle dopo interruzione rateazione (ulteriori chiarimenti)
Sempre in riferimento alla prescrizione di cartelle esattoriali per debito INPS in presenza di rateazione concessa nel 2006 ed interrota nel 2007 (per impossibilità di far fornte alle rate onerose) volevo sapere se la sospensione che l'ente ha concesso unitamente alla rateazione decade con il mancato pagamento di una rata. Questo perchè in un precedente post è stato scritto: "Per far valere la prescrizione di cartelle esattoriali, originate dall'omesso o insufficiente versamento contributivo, bisogna sempre accertarsi che INPS o Equitalia non abbiano notificato comunicazioni interruttive nei termini." La sospensione concessa con la rateazione si intende conclusa con la decadenza della ...

Intimazione di pagamento per cartella esattoriale mai ricevuta irpef 1993
Ho ricevuto da due giorni una intimazione di pagamento entro 5 gg di una cartella esattoriale che il concessionario dice di avermi notificato nel 2002, mentre di fatto io sono sicura di non aver mai ricevuto nulla. Trattasi di irpef relativa al 1993, anno in cui tra l'altro avendo solo il mod. 101, non ero obbligata a presentare dichiarazione dei redditi. Che tempi ho per presentare ricorso e per quanto riguarda la notifica dell'atto, posso appellarmi al fatto che a notificarmi questa intimazione di pagamento non è stato un ufficiale ma un impiegato della serit, e nella cartella manca una ...

Prescrizione cartelle dopo interruzione rateazione
Salve, vi voglio porre il mio quesito non avendo trovato risposte specifiche nel merito. A causa di un'attività artigianale andata male mi trovo a dover pagare delle cartelle esattoriali per debiti nei confornti di enti pubblici (Inps ed agenzia delle entrate) per un importo piuttosto alto. Preciso che l'attività è stata chiusa nel 2003 e nel 2006 mi vedo notificare un fermo amministrativo dell'automobile. A seguito di tale notifica decido di procedere con una rateazione del debito, ma con rate molto alte. Ad inizio 2007 mi trovo impossiiblitato a far fronte alle rate pur sapendo che a quel punto la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Intimazione di pagamento – Richiesta di ulteriori chiarimenti