Intimazione di pagamento - prescrizione della cartella esattoriale, ricorso in autotutela e pignoramento del conto corrente

Buon giorno, ho appena ricevuto un intimazione di pagamento tramite pec oggi con scadenza 5 giorni relativa a:
2 cartelle notificate nel 2010 (multe auto)
1 cartella 16/07/2012 (multe alto)
1 cartella 13/12/2013 (inps)
1 cartella 07/01/2015 (tasse)
1 cartella 03/11/2015 (tasse).

Avrei alcune domande:

1) Quelle del 2010 non sono scadute? In tal caso (per prendere tempo) non posso fare un istanza di sospensione (finalizzata al ricalcolo) per far si di prendere tempo? In tal caso posso farla solo andando li oppure anche tramite pec? Leggo online circa "l'autotutela" ma non mi è chiaro bene come funzioni.

2) Non mi è ben chiara una cosa ... Equitalia a questo punto ha già individuato cosa pignorare e aspetta solo i 5 giorni per procedere oppure, passati i 5 giorni, si attiva alla ricerca dei beni? Io ho solo un conto corrente...

3) Mi rendo conto che questa domanda non possa avere una risposta certa ma vi chiedo: a vostro parere (ripeto chiedo solo un'opinione generale) è facile che mi pignorino questo conto corrente entro Natale? Oppure prima cercano i beni più facili da trovare (casa, auto) e poi dopo cercano i conti (quindi passando un po di tempo)? E' un conto ditta quindi non mi così facile cambiarlo velocemente (mi è sufficente "durare fino a Natale")

Effettivamente le cartelle esattoriali relative a sanzioni amministrative per violazione del Codice della Strada (le multe) potrebbero essere prescritte, dal momento che il termine di prescrizione per tale tipologia di credito è quinquennale. Tuttavia, bisognerebbe sapere, prima di presentare ricorso giudiziale o in autotutela, se dal 2010 in poi Equitalia non abbia notificato (anche per compiuta giacenza in occasione di assenze temporanee del destinatario dal luogo di residenza o di lavoro) altre intimazioni di pagamento riferite alla stessa pretesa.

Per accertarsene, bisogna recarsi presso gli uffici dell'agente esattoriale e chiedere, con accesso agli atti, copia delle relate di notifica di eventuali precedenti intimazioni di pagamento afferenti la cartella di pagamento notificata nel 2010.

Poniamo il caso che Equitalia non abbia mai interrotto i termini di prescrizione della cartella esattoriale notificata nel 2010 ed originata dal mancato pagamento dei verbali di multa: il debitore, per far valere l'intervenuta prescrizione, può presentare un ricorso amministrativo (istanza in autotutela si dice) ad Equitalia per chiedere l'annullamento della cartella notificata nel 2010 in quanto prescritta ed evitando, in tal modo, un ricorso giudiziale con le spese legali al cui pagamento sarebbe comunque costretto il soccombente. Il problema del ricorso amministrativo e che esso non sospende i termini per la presentazione del ricorso giudiziale il quale va comunque effettuato, in assenza di una risposta tempestiva all'istanza in autotutela, entro 60 giorni dalla data di notifica dell'intimazione al pagamento.

Decorsi i 5 giorni concessi per il pagamento dei crediti intimati, ogni momento è buono per l'avvio della procedura di pignoramento del conto corrente.

29 settembre 2016 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
cartella esattoriale prescrizione e decadenza
pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il cliente ha sempre diritto a chiudere un conto corrente anche se in rosso
Il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un'apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto. Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più ...
Riscossione coattiva della cartella esattoriale a seguito mancato pagamento entro 60 giorni dalla notifica
Se non si paga la cartella entro 60 giorni dalla sua notifica l'agente della riscossione può mettere in atto le procedure esecutive che ritiene più opportune al fine di riscuotere il dovuto. Si va dal fermo amministrativo dell'auto all'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all'espropriazione forzata (pignoramento e ...
Non è reato prelevare dal conto corrente dopo la notifica di una cartella esattoriale o di un avviso di accertamento esecutivo
Non si configura di per sé il reato di sottrazione fraudolenta dei beni al fisco (previsto dall'articolo 11 del Dlgs numero 74/2000) nel caso in cui il contribuente pur sapendo di avere dei debiti con l'Erario - ad esempio a seguito della notifica di una cartella esattoriale - effettui dei ...
Prescrizione della cartella esattoriale - esempi utili al consumatore
Il termine di prescrizione della cartella esattoriale è diverso a seconda del tipo di tributo oggetto dell'iscrizione a ruolo Come sappiamo, la cartella esattoriale è il mezzo con il quale i concessionari riscuotono, come intermediari, cifre relative a tasse, tributi, sanzioni etc. dovute allo Stato e ad enti pubblici, previdenziali ...
Pignoramento del conto corrente » A partire dal 1° luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni a procedere al posto di Equitalia
Come già preannunciato in articoli precedenti, in merito al pignoramento del conto corrente da parte del fisco sarà molto più facile dal prossimo 1 luglio 2017: scopriamo perché. A partire dal primo luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni, in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate, a disporre ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca