Intimazione di pagamento entro 5 giorni per tassa automobilistica non versata - Non si tratta di un termine troppo esiguo?

Ho ricevuto oggi mediante deposito nella casa comunale una intimazione di pagamento dalla Agenzie delle entrate-riscossione riguardo un atto del 2016. Nell'atto sono indicati i periodi di bollo non pagati.

Le annualità sono però del 2010, 2011 e 2012.Sono prescritti se la cartella è stata notificata il 23 08 2016?

Inoltre il limite che m'impongono è di soli 5 gg dalla ricezione del presente atto, ma è davvero così?
E se non ho la possibilità di pagare entro un tempo così breve?

La decadenza per la notifica della cartella esattoriale contenente la pretesa della Pubblica Amministrazione (PA) relativa all'omesso o insufficiente versamento della tassa automobilistica è triennale: in pratica, la notifica deve essere effettuata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui la tassa automobilistica avrebbe dovuto essere versata.

In pratica, cioè, l'azione dell'Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute per effetto dell'iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Ora, come sappiamo, per i proprietari di veicoli con potenza minima 36 KW, le scadenze possono cadere il 30 aprile, il 31 agosto e il 31 dicembre. Se la scadenza è al 31 dicembre, per esempio, l'ultimo giorno utile per il pagamento (senza sanzioni) è il 31 gennaio.

Questo per dire che, se la scadenza della tassa automobilistica relativa all'anno 2012 cadeva il 31 dicembre (e quindi il bollo auto poteva essere versato entro il 31 gennaio 2013), il concessionario della riscossione coattiva della PA creditrice avrebbe potuto notificarle la cartella esattoriale entro il 31 dicembre 2016.

Per quanto attiene le tasse automobilistiche relative alle annualità 2010 e 2011 bisogna tener conto che la PA creditrice potrebbe averle anche inviato, entro il primo triennio, un avviso di accertamento (notificato correttamente per compiuta giacenza) nel qual caso i termini triennali di decadenza avrebbero ricominciato a decorrere dopo 60 giorni dalla notifica dell'accertamento.

Pertanto, in generale, per eccepire la prescrizione della cartella esattoriale originata dal mancato o insufficiente versamento della tassa automobilistica (ma anche per altri tributi) è innanzitutto necessario effettuare un accesso agli atti presso l'ente creditore (la Regione nella maggioranza dei casi) per acquisire tutta la documentazione relativa alla pratica (in particolare, le relate di notifica di eventuali atti presupposti alla cartella esattoriale, qual è, appunto, l'avviso di accertamento).

Nel suo caso purtroppo, la cartella esattoriale è già stata notificata validamente: lei avrebbe potuto eccepire la prescrizione solo entro 60 giorni dalla notifica (in pratica nel 2016) innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale (CTP).

Adesso, ogni eventuale eccezione di decadenza/prescrizione di qualsiasi annualità del triennio 2010/2012 della tassa automobilistica, le è preclusa.

Infine, l'articolo 50 del decreto presidente della repubblica 602/1973 dispone, al comma 2, che se l'espropriazione non è iniziata entro un anno dalla notifica della cartella di pagamento, l'espropriazione stessa deve essere preceduta dalla notifica di un avviso che contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro cinque giorni.

Insomma, essendo stata la cartella esattoriale trasmessale nel lontano 2016, per poter avviare la riscossione coattiva, l'Agenzia delle Entrate - Riscossione (ADER) è obbligata, per legge, a notificare un avviso di intimazione al pagamento lasciando al debitore solo 5 giorni per un eventuale adempimento.

22 agosto 2018 · Paolo Rastelli

Vorrei chiederle se ho capito bene: non posso fare più nulla, avrei dovuto ricorrere nel 2016, non facendolo, pur essendo alcuni bolli prescritti, adesso è troppo tardi e devo solo pagare entro 5 giorni. Corretto?

Purtroppo, sì, ha inteso bene: la sintesi è quella da lei metabolizzata: ma noi cerchiamo sempre di chiarire, a chi ci legge e ci interpella, le motivazioni per cui si arriva ad una determinata conclusione.

22 agosto 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

bollo auto (tassa automobilistica) prescrizione e decadenza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La prescrizione della cartella esattoriale resta triennale per la tassa automobilistica e quinquennale per i tributi locali e i contributi previdenziali
I contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali non versati dal debitore sono iscritti in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento. In caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre ...
Termine di 30 giorni per opporsi ad una cartella esattoriale per omessa notifica del verbale di multa
L'articolo 7 del DL 150/2011, articolo 7, (intitolato dell'opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada, prevede, al comma 3, che il ricorso è proposto, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla data di contestazione della violazione o di notifica del verbale di accertamento (sessanta se ...
Prescritto il credito esattoriale preteso con avviso di intimazione al pagamento inviato al debitore dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale
Il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irrevocabilità del credito, ma non anche la cosiddetta conversione del termine di prescrizione breve, eventualmente previsto, in ...
Tassa automobilistica ed esportazione del veicolo all'estero per reimmatricolazione - Nuovi obblighi
Al fine di contrastare l'elusione della tassa automobilistica alla quale sono tenuti i proprietari dei veicoli circolanti sul territorio nazionale, la legge di stabilità 2016 ha apportato modifiche agli obblighi, precedentemente previsti, conseguenti alla cessazione della circolazione dei veicoli a motore. Da gennaio 2016, la parte interessata, intestataria di un ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca