Contratto di rimborso tardivo di un prestito e piano di ammortamento





All'accordo di rimborso di un prestito va sempre allegato il piano di ammortamento con scadenza e importo di ciascuna rata, quota capitale e interessi





Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Dal 2019 sto pagando, per conto di mio padre, un debito di 5 mila e 858,94 euro tramite bonifico intestato a Saphira: Quando chiamo il loro avvocato per sapere il numero di rate ancora da pagare ho notato che le rate sono di più rispetto a quando ho pagato ora. Attualmente ho pagato 4.758,94 euro su 5.858,94 euro ma mi dice che mi mancano ancora da pagare 18 rate di cui l’ultima di 45,82 euro. Io ho domandato il perchè visto che verso 100 euro al mese? Mi hanno risposto che forse è stato caricato male il piano di rientro. Poi su internet ho visto che nel piano di rientro ci può stare anche un tasso di interesse con conseguenza crescita della somma da restituire rispetto a quello indicato nella raccomandata che ho ricevuto che è indicato la somma da pagare di 5.858,94 euro. Cosa ne pensate? ha calcolato anche il tasso di interesse nel piano di rientro per il numero di rate che mi trovo ancora da pagare che dovrebbe essere 11 versando 100 euro al mese oppure hanno calcolato anche il tasso di interesse nel piano di rientro e le rate sono quindi 18 ancora da pagare come mi dice l’avvocato. Che ne pensate voi? come faccio a sapere se hanno calcolato anche il tasso di interesse? grazie per le vostre risposte

L’accordo con il creditore consiste, in genere, nello stabilire la cifra ritenuta congrua per saldare il credito rimasto insoddisfatto (comprensivo di capitale iniziale, tassi di interesse moratori, spese legali sostenute per il recupero coattivo), il tasso di interesse legale da applicare nel caso in cui si voglia fruire della dilazione dei tempi di pagamento con rate di importo fisso, la modalità di applicazione degli interessi a ciascuna rata (metodo alla francese, ad esempio).

Tutto questi parametri concordati danno luogo a quello che si identifica come piano di ammortamento del debito che riporta la scadenza di ciascuna rata, l’importo da pagare alla scadenza e la ripartizione di ciascuna rata in quota capitale e quota interessi.

E’ lo strumento che deve essere obbligatoriamente allegato ad ogni contratto di prestito o al rimborso successivo di un prestito rimasto insoddisfatto per qualche tempo.

Fra le clausole del contratto dovrebbe trovarsi anche quella che esclude la novazione nel senso che, se non si completa il piano di ammortamento (pagando fino all’ultima rata), tutto quanto parzialmente versato costituirà solo un acconto rispetto al credito insoddisfatto originario (quello non rimborsato dal papà) sulla base del quale si partirà per cercare un nuovo accordo che, naturalmente, risulterà più esoso rispetto a quello che non è stato portato a termine.

Dunque, l’unica cosa da fare è chiedere alla parte creditrice, o all’avvocato che ne cura gli interessi, sia il contratto di rimborso, sia il piano di ammortamento allegato all’accordo di rimborso del credito. Per il resto è completamente inutile fare illazioni o formulare ipotesi.

STOPPISH

31 Gennaio 2023 · Loredana Pavolini

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it


Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo FAQ page – Debiti e recupero crediti » Contratto di rimborso tardivo di un prestito e piano di ammortamento. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.