Inquilini del condominio non in regola con i pagamenti – Devo rimetterci io?


Con la riforma del condominio, legge 220/2012, sono state introdotte condizioni particolari per quanto riguarda le morosità condominiali.

Dopo una riunione condominiale, sono stati predisposti degli interventi per il rifacimento delle unità abitative, con il fissaggio di quote di partecipazione da onorare da parte dei condomini. Ora, nell’ultima assemblea, è venuto fuori che alcuni condomini non stanno pagando le proprie rate, e si prospetta, da parte dei creditori, che hanno già cominciato i lavori, una minaccia di pignoramento del conto corrente condominiale. Ora, vorrei sapere, avendo io, insieme a molti altri, pagato ogni singola rata, è legittima questa pratica? Perché dobbiamo rimetterci noi? Non possiamo fare nulla?

Con la riforma del condominio, legge 220/2012, sono state introdotte condizioni particolari per quanto riguarda le morosità condominiali.

Infatti, un fornitore di servizi, ad esempio, che deve recuperare il proprio credito nei confronti del condominio, ha l’obbligo di agire innanzitutto nei confronti dei condomini morosi.

Il creditore può chiedere il pignoramento del conto corrente condominiale, ma solo per la parte che concerne le somme versate da condomini morosi, da dimostrarsi tramite la prova documentale fornita dal registro di contabilità condominiale.

L’amministratore condominiale, inoltre, può contestare il pignoramento del conto corrente condominiale avanzato da un creditore se sul conto non ci sono versamenti del condomino moroso e, in ogni caso, per la parte delle somme che appartengono ai condomini virtuosi, in regola con le rate pagate.

In linea generale è stato chiarito, innanzitutto, che il creditore deve prima tentare di aggredire il condomino moroso con i pagamenti delle quote condominiali chiedendo all’amministratore di condominio l’elenco degli inadempienti.

Per questo è assunto l’obbligo, assegnato all’amministratore, di comunicare ai creditori del condominio (fornitori, manutentori, ecc.), i cui crediti non siano stati ancora pagati, e che lo chiedano espressamente, quali sono i nomi e i dati dei condomini morosi.

Tale comunicazione costituisce un vero e proprio obbligo per l’amministratore che, pertanto, non viola la privacy dei condomini inadempienti.

26 Settembre 2017 · Marzia Ciunfrini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 222 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Inquilini del condominio non in regola con i pagamenti – Devo rimetterci io?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.