Inps gestione separata

Argomenti correlati:

Sono titolare di una pensione per raggiunti limiti di età derivante da lavoro dipendente… per circa 10 anni ho lavorato come libera professionista (partita IVA), il commercialista che mi seguiva ha sbagliato una dichiarazione dei redditi 2004 (sparendo dalla circolazione) e sto pagando tramite Equitalia il debito con l’Agenzia delle Entrate con i soliti interessi al limite dell’usura. Nel frattempo ho ricevuto anche gli omessi contributi INPS facenti parte della gestione separata per la quale dovrei percepire una ulteriore pensione al compimento del 65 anno. Se mi rifiutassi di pagare cosa succede? Non è possibile rinunciare alla pensione?

Il contributo alla Gestione Separata è calcolato applicando alla base imponibile le aliquote vigenti nell’anno di riferimento nei limiti del massimale previsto per l’anno stesso ed è obbligatorio.

Purtroppo, non è prevista la possibilità di poter rinunciare alla prestazione previdenziale in cambio dell’esenzione dal pagamento dei contributi.

15 Luglio 2014 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pagamento dilazionato dei contributi INPS (Gestione separata commercianti) dovuti per il periodo che va da febbraio a maggio 2020
Ho chiuso la mia attività in Gestione separata commercianti i primi giorni giugno, adesso INPS richiede il pagamento del trimestre aprile-maggio-giugno come versamenti Contributi. Anche se la chiusura dell'attività è avvenuta i primi giorni di giugno devo comunque pagare rispetto all'intero mese?È possibile pagare la somma tra qualche mese? Si andrebbe incontro ad una riscossione forzata? È possibile pagare tale somma tra qualche mese aggiungendo gli interessi? ...

Diniego pensione di vecchiaia a chi ha maturato i requisiti da lavoratore dipendente a causa di eventuali contributi non versati alla gestione separata?
Classe 1953 e compleanno ad agosto prossimo venturo, ho i requisiti per presentare domanda per la pensione di vecchiaia (67 anni e 25 anni di contributi versati): i 25 anni di contributi erano già maturati alla fine del 2012 (con sistema calcolo MISTO). Dal 2014 ho aperto partita iva come consulente grafico e da allora non ho più pagato i contributi minimali INPS (con cartelle esattoriali già in notifica). A fronte di questi debiti INPS può non accettare la mia domanda di pensione di vecchiaia? Da simulazione l'assegno mensile sarebbe di 748,00 euro. In caso di accettazione quanto ammonterebbe la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Inps gestione separata