Ingiunzione fiscale originata da multa - E' regolare?

Ho ricevuto in data 31/3/2018 ingiunzione fiscale di pagamento originata da multa dove viene citato che la violazione stradale è avvenuta in data 29/1/2014 e notificata il 25/3/2014 (non allegato nessun verbale) per un importo di € 172.00 (€84.00 la multa). È regolare una cosa di questo genere?

Se la violazione stradale del 29 gennaio 2014, all'origine della ingiunzione fiscale, è stata effettivamente notificata il 25 marzo 2015, prima, cioè, che intervenisse la decadenza della pretesa (fra accertamento della violazione e la notifica del verbale non possono passare più di 90 giorni, tranne casi eccezionali), allora è tutto regolare.

Quindi, sono io a chiederle: il verbale della violazione stradale del 29 gennaio 2014 è stato effettivamente notificato il 23 gennaio 2015, prima che intervenisse la decadenza del potere di riscuotere la sanzione amministrativa?

Qualora non sapesse rispondere a questa mia, semplicissima, domanda, non deve fare altro che recarsi negli uffici comunali preposti alla riscossione delle sanzioni amministrative per violazione del codice della strada accertate dalla polizia municipale (non può essere altrimenti, perché nel caso di multa comminata da polizia stradale o carabinieri sarebbe arrivata una cartella esattoriale e non una ingiunzione fiscale).

Una volta portatasi negli uffici comunali, dovrà presentare istanza di accesso agli atti per prendere visione della relata di notifica compilata in occasione della presunta consegna effettuata a marzo 2014.

Si tratterà solo di fare qualche ora di fila e pagare i diritti di segreteria: poi, se vorrà, potrà anche rispondermi.

4 aprile 2018 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multa non notificata correttamente? » Non va pagata
La normativa vigente specifica esattamente quali sono i termini precisi entro i quali il verbale di multa deve essere notificato al trasgressore. Qualora la notifica non fosse conforme alle disposizioni legislative, la sanzione non va onorata. Il verbale di multa, redatto senza contestazione immediata, deve essere notificata presso l'abitazione del ...
Multa » Pochi euro di ammanco? Non raddoppia più
Chi paga immediatamente il verbale di multa nel minimo edittale omettendo le spese del procedimento non può più incorrere in una cartella esattoriale con richieste esorbitanti, ma potrà essere invitato dal comando di polizia semplicemente a regolarizzare il proprio versamento. Ciò è stato evidenziato dall'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). L'innovativa ...
Multa e verbale non sottoscritto - il ritiro equivale a notifica
In caso di contestazione immediata dell'infrazione al Codice della strada, il ritiro di una copia del verbale da parte del trasgressore equivale a notifica dello stesso, a nulla rilevando che chi ritira l'atto rifiuti di sottoscriverlo. Dalla data in cui viene contestata l'infrazione e ritirato il verbale, comincia a decorrere ...
Impugnazione di una multa » L'amministrazione non si costituisce in giudizio? La sanzione è prescritta!
Se l'ente pubblico non si costituisce in giudizio davanti al giudice di pace, qualora sia in corso un procedimento di impugnazione contro un verbale di multa, la prescrizione non si interrompe, e la sanzione non deve essere onorata anche in caso l'automobilista abbia torto. Buone nuove per l'automobilista che impugna ...
Notifica della multa e prescrizione dei termini
Le norme che disciplinano la notifica della  multa sono stabilite dal Codice Procedura Civile. Le norme stabiliscono che una la notifica della multa può avvenire, in assenza del destinatario o di persone di famiglia/conviventi (non palesemente incapaci o minori di anni 14), a persona addetta alla casa, ad un vicino ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca