Ingiunzione comune di Milano per TAriffa RIfiuti (TARI)

Ad agosto 2017 ho ricevuto dal Comune di Milano ingiunzione di pagamento per la Tari anno 2010 2011 2012 2013 2014.

Premetto di non aver mai ricevuto nulla durante tutti questi anni come avvisi di pagamento. Aggiungo che ho ricevuto regolare avvisi di pagamento negli anni 2016 2017 e 2018 tutti regolarmente pagati.

A settembre 2017 ho fatto ricorso in autotutela ed ho ricevuto risposta dal Comune di Milano a febbraio 2019 che il mio ricorso non è stato accettato.

Domanda: il Comune di Milano ha rispettato i termini per rispondere al mio ricorso?

Per provare l'omessa notifica dell'accertamento ai fini TARI, per gli anni che vanno dal 2010 al 2014, avrebbe dovuto effettuare un accesso agli atti presso gli uffici comunali preposti alla riscossione della tariffa, chiedendo copia delle relate di notifica, tenendo sempre presente che la notifica di un atto può correttamente perfezionarsi per compiuta giacenza presso l'ufficio postale o l'albo pretorio, in occasione di assenza temporanea del destinatario dal luogo in cui risiede.

Infatti, l'articolo 1, comma 161, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) dispone che gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

Tuttavia, un ricorso amministrativo in autotutela non sospende i termini per il ricorso giudiziale che avrebbe dovuto essere presentato alla Commissione Tributaria Provinciale entro 60 giorni dalla data di notifica dell'ingiunzione di pagamento.

In altre parole, i tempi di risposta dell'ente creditore ad un ricorso amministrativo in autotutela non sono fissati per legge, mentre i termini disponibili al debitore, per poter proporre ricorso giudiziale, non possono andare oltre i 60 giorni dalla data di notifica dell'ingiunzione di pagamento.

3 marzo 2019 · Paolo Rastelli

Altre discussioni simili nel forum

accertamento per TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca