Infrazione fatta da un conducente non proprietario del veicolo

Ho ricevuto un verbale per essere passato in una corsia preferenziale controllata da una porta telematica, essendo preferenziale l'accesso è autorizzato ai soli bus, mezzi di soccorso e residenti.

Avendo prestato la moto a mio fratello, residente nella via soggetta ad essere corsia preferenziale. Posso contestare la multa dal momento che comunque indipendentemente che il veicolo sia mio sia di fatto entrato un residente?

Posso far fare un autocertificazione e quindi non essere sanzionato o c'è comunque il rischio che contestando il verbale non pago la multa per l'infrazione ma per non aver comunicato il conducente (Art. 126 bis del codice della strada) oltre tutto occasionale, con una spesa molto più onerosa rispetto all'infrazione che vorrei contestare?

A mio parere, inutile imbarcarsi in procedure pensate ad hoc e non codificate nelle norme di legge, fidando nella comprensione della controparte (i vigili urbani) che non è discrezionale e se concessa potrebbe addirittura configurare l'abuso d'ufficio.

Nella situazione descritta, conviene semplicemente non pagare la multa, ma comunicare i dati di suo fratello, al quale verrà preavvisata una decurtazione di 2 punti patente e notificato un verbale di multa in qualità di trasgressore (possibile anche dopo i 90 giorni dall'infrazione quando, come nel caso, è necessario acquisire i dati del conducente dal proprietario del veicolo).

Sarà suo fratello, successivamente, a far ricorso contro la decurtazione e per l'annullamento della multa, dal momento che risulta residente nella via adibita a corsia preferenziale. Questo appena gli sarà notificato il preavviso di decurtazione dei punti patente o il verbale di multa.

30 agosto 2014 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I dati del conducente vanno chiesti al proprietario del veicolo al momento dell'infrazione e non al proprietario del veicolo al momento della notifica del verbale di multa
Il proprietario del veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti delle pubbliche amministrazioni e dei terzi, è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione; ne deriva che dell'eventuale incapacità d'identificare detti soggetti necessariamente risponde, nei confronti delle une per le sanzioni ...
Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata ...
Infrazione e mancata comunicazione dati conducente » Decide giudice del luogo dove ha sede Polizia
Infrazione commessa e mancata comunicazione dei dati del conducente. In questo caso è competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente. Infatti, contro il verbale di accertamento a carico del conducente che non comunica le generalità della persona al volante al momento dell'infrazione, è territorialmente competente ...
Multa per passaggio del veicolo nella corsia preferenziale senza autorizzazione » Valida anche se accertata tramite telecamera ZTL
E' legittima la multa per passaggio di un veicolo, senza autorizzazione, in corsia preferenziale di bus e taxi che è stata accertata tramite le telecamere poste a presidio delle zone ZTL. È valida la multa per il passaggio nella corsia preferenziale rilevata automaticamente con le telecamere poste a presidio. Questo, ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca