Informazioni sulla tutela e il rispetto sul lavoro

Vorrei porre alcune domande sulla mia situazione lavorativa e sul modo che ha il mio datore di lavoro di trattarmi anche per iscritto: svolgo un turno notturno con tempo parziale di quattro notti a settimana e un mese fa ho chiesto per iscritto la collocazione temporale dei turni di lavoro per avere altri giorni liberi per altra occupazione. L'istanza mi è stata respinta. Cosa posso fare? Premetto che il full time sui tre turni da loro è stato rifiutato quindi ho fatto la richiesta sopra citata. Causa un giudizio del medico competente ogni qualvolta si presenta l'occasione, la direzione mi elenca la limitazione che secondo loro non mi permette di lavorare di giorno quindi anche obbligata a fare la notte. Come posso difendermi mettendo a tacere queste continue umiliazioni visto che a loro non chiedo niente altro che lavorare i miei turni e avere altri giorni per poter cercare altro part time?

Spero vorrà comprendere che:

- senza conoscere il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) che le viene applicato, il quale disciplina, anche eventualmente vietandola, la possibilità, per il lavoratore, di mantenere una doppia occupazione;
- senza poter leggere le motivazioni addotte dal datore di lavoro per respingere la richiesta di collocazione in un turno diverso;
- senza conoscere la patologia accertata dal medico del lavoro competente nell'azienda:

ci è impossibile esprimere un qualsiasi parere sulla vicenda in cui è coinvolta e che le appare, a quanto sembra, al limiti del mobbing.

Comprendiamo, peraltro, il senso di solitudine, impotenza ed amarezza da cui è pervasa, dal momento che ritiene ingiusto e persecutorio il comportamento assunto, nei suoi confronti, dal datore di lavoro.

Il suggerimento che possiamo darle è senz'altro quello di contattare una struttura sindacale presente sul territorio in cui vive e/o lavora: con l'importo necessario per la sola iscrizione potrà fruire dell'assistenza legale di cui ha bisogno.

Analizzando direttamente la documentazione (contratto di lavoro, carteggio epistolare con il datore di lavoro, parere clinico del medico preposto alla salute e alla sicurezza dei lavoratori circa le mansioni da lei espletabili in azienda) il legale del sindacato potrà valutare se esistono i presupposti per una diffida o, addirittura, per una azione giudiziale di bossing.

21 settembre 2018 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Inps: rientro anticipato a lavoro in caso di malattia? » L'istituto chiarisce
L'Inps (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) chiarisce cosa deve fare il dipendente in caso di rientro sul posto di lavoro, dopo la malattia, per guarigione anticipata. Accade spesso che il dipendente, assente dal lavoro per malattia, qualora guarisca anticipatamente rispetto alla prognosi formulata dal medico curante, voglia far ritorno subito ...
Inadempimento nella tutela delle condizioni di lavoro e danno alla salute
Incombe al lavoratore che lamenti di avere subito, a causa dell'attività lavorativa svolta, un danno alla salute, l'onere di allegare e provare l'esistenza di tale danno, come pure la nocività dell'ambiente di lavoro, nonché il nesso tra l'uno e l'altro, e solo se il lavoratore abbia fornito la dimostrazione di ...
Risarcimento dall'assicurazione post sinistro » Il vero quadro sulla tempistica
Le tempistiche per ottenere il risarcimento dalla propria assicurazione, dopo un sinistro stradale, sono tutt’altro che semplici da prevedere. Questo, a causa di una serie intrinseca di variabili, che ora illustreremo nel proseguo dell'articolo. Per prima cosa, sfatiamo un mito: entro 90 giorni dall'incidente non si riceverà il rimborso per ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Permesso di soggiorno per cercare lavoro
Quale permesso di soggiorno serve per lavorare o cercare un lavoro? I permessi di soggiorno con cui è possibile lavorare o cercare un lavoro sono:  Permesso di soggiorno per lavoro subordinato (dipendente);  Permesso di soggiorno per lavoro subordinato stagionale;  Permesso di soggiorno per lavoro autonomo;  Permesso di soggiorno per attesa ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca