Informazioni sulla tutela e il rispetto sul lavoro

Vorrei porre alcune domande sulla mia situazione lavorativa e sul modo che ha il mio datore di lavoro di trattarmi anche per iscritto: svolgo un turno notturno con tempo parziale di quattro notti a settimana e un mese fa ho chiesto per iscritto la collocazione temporale dei turni di lavoro per avere altri giorni liberi per altra occupazione. L’istanza mi è stata respinta. Cosa posso fare? Premetto che il full time sui tre turni da loro è stato rifiutato quindi ho fatto la richiesta sopra citata. Causa un giudizio del medico competente ogni qualvolta si presenta l’occasione, la direzione mi elenca la limitazione che secondo loro non mi permette di lavorare di giorno quindi anche obbligata a fare la notte. Come posso difendermi mettendo a tacere queste continue umiliazioni visto che a loro non chiedo niente altro che lavorare i miei turni e avere altri giorni per poter cercare altro part time?

Spero vorrà comprendere che:

– senza conoscere il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) che le viene applicato, il quale disciplina, anche eventualmente vietandola, la possibilità, per il lavoratore, di mantenere una doppia occupazione;
– senza poter leggere le motivazioni addotte dal datore di lavoro per respingere la richiesta di collocazione in un turno diverso;
– senza conoscere la patologia accertata dal medico del lavoro competente nell’azienda:

ci è impossibile esprimere un qualsiasi parere sulla vicenda in cui è coinvolta e che le appare, a quanto sembra, al limiti del mobbing.

Comprendiamo, peraltro, il senso di solitudine, impotenza ed amarezza da cui è pervasa, dal momento che ritiene ingiusto e persecutorio il comportamento assunto, nei suoi confronti, dal datore di lavoro.

Il suggerimento che possiamo darle è senz’altro quello di contattare una struttura sindacale presente sul territorio in cui vive e/o lavora: con l’importo necessario per la sola iscrizione potrà fruire dell’assistenza legale di cui ha bisogno.

Analizzando direttamente la documentazione (contratto di lavoro, carteggio epistolare con il datore di lavoro, parere clinico del medico preposto alla salute e alla sicurezza dei lavoratori circa le mansioni da lei espletabili in azienda) il legale del sindacato potrà valutare se esistono i presupposti per una diffida o, addirittura, per una azione giudiziale di bossing.

21 Settembre 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno
Il mio datore di lavoro ha rifiutato la trasformazione del mio orario di lavoro da part time a full time avvalendosi del giudizio del MC e umiliandomi scrivendo che non potendo sostenere una maggior quantità di lavoro, andrebbe a danno delle colleghe e nel diritto delle persone anziane. Nel frattempo alla mia richiesta ha assunto un tempo pieno e altre trasformazioni di orario. Ho un anzianità lavorativa di nove anni, e, fino al 2009 ho lavorato a orario pieno su tre turni con la medesima prescrizione medica e attualmente svolgo il turno notte poiché si ritiene che è il turno ...

Rifiutato passaggio da tempo parziale a tempo pieno in base a diritto di prelazione
Da 5 anni lavoro con un part time verticale strutturato su notti esattamente 4 a settimana. Per motivi economici ho richiesto il ripristino del full time avvalendomi del diritto di precedenza nel senso che per motivi personali nel 2006 ho fatto il passaggio da full time a part time. Nel 2014 ho fatto richiesta di ripristino e il mio datore di lavoro lo ha rifiutato adducendo il motivo di una limitazione del medico competente che tra l'altro afferma di non poter rientrare in merito della mia richiesta poiché l'organizzazione contrattuale non è di sua competenza. Ma nei giorni scorsi ho ...

Inadempimento nella tutela delle condizioni di lavoro e danno alla salute
Incombe al lavoratore che lamenti di avere subito, a causa dell'attività lavorativa svolta, un danno alla salute, l'onere di allegare e provare l'esistenza di tale danno, come pure la nocività dell'ambiente di lavoro, nonché il nesso tra l'uno e l'altro, e solo se il lavoratore abbia fornito la dimostrazione di tali circostanze sussiste per il datore di lavoro l'onere di provare di avere adottato tutte le cautele necessarie ad impedire il verificarsi del danno e che la malattia del dipendente non è ricollegabile alla inosservanza di tali obblighi. Infatti, in tema di responsabilità per violazione delle disposizioni di tutela delle ...

Dove mi trovo?