Informazioni su rischio per mancato pagamento debito

Sono titolare di una ditta individuale, nello specifico un negozio di alimentari, aperto da due anni.

Mi trovo in difficoltà e devo chiudere attività, ho un finanziamento fatto a nome della ditta per l acquisto di cella vetrine e scaffali di 15 mila euro, con una banca (nello specifico CreVal)

Sono intestatario di un appartamento (di cui pago regolare mutuo ipotecario da cinque anni, con un altra banca) e di un motociclo (del valore di circa 4000 euro, che eventualmente posso trapassare a mio padre).

Dovendo chiudere (ho trovato posto come banconista in un altro negozio) a breve, lo stipendio in questione non mi permette di sostenere il debito (550 euro di casa + 300 euro di finanziamento).

Premesso cio: Se non pago il finanziamento (15000 euro), cosa rischio?
rischio che mi pignorano la casa?
O la moto?

E' possibile che tutto vada in niente e quando avrò un contratto fisso mi tolgano il quinto dello stipendio?

Qual è la cosa migliore che posso fare (oltre pagare, ahimé impossibile?)

Il creditore che sceglie come agire: può iscrivere ipoteca secondaria sulla casa di proprietà e attendere che si formi capienza per l'espropriazione, vendere il proprio credito ad una società di recupero o altro.

Al momento non c'è molto da fare, se non attendere e sperare in un pò di fortuna.

22 maggio 2018 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Polizza assicurativa collegata al prestito - In caso di premorienza del debitore l'indennizzo deve essere utilizzato esclusivamente per estinguere il finanziamento residuo
L'indennizzo derivante da una polizza assicurativa a copertura del rischio morte, stipulata in relazione a uno specifico finanziamento, non può essere utilizzato dalla banca per ridurre le restanti posizioni debitorie del de cuius, ma deve essere esclusivamente utilizzato per estinguere il finanziamento che era assistito dalla relativa polizza, sottoscritta dal ...
Assegno sottoscritto con una sigla e non con la firma di traenza - La banca che paga lo fa a proprio rischio e pericolo
Se sugli assegni portatì in pagamento alla banca risulta apposta non già una firma di traenza, bensì una semplice sigla, la banca trattaria non può procedere al pagamento che, se effettuato, avviene a suo rischio. Infatti, nell'adempiere l'obbligazione il debitore (nella fattispecie la banca) deve adottare la diligenza richiesta con ...
In tema di polizze assicurative rischio morte abbinate al mutuo, la banca non può continuare ad addebitare le rate dopo il decesso del debitore assicurato
In tema di polizze assicurative rischio morte abbinate al mutuo, può la banca, in attesa che l'assicurazione la risarcisca per l'estinzione del contratto di finanziamento in conseguenza dell'avvenuto decesso del debitore mutuatario, continuare ad addebitare le rate del finanziamento? La risposta al quesito è stata fornita dall'Arbitro Bancario Finanziario con ...
Il microcredito arma efficace contro il rischio usura
Ci sono "segnali di difficoltà " per le famiglie italiane. Il rischio è quello del "sovraindebitamento e del ricorso all'usura". Per questo, c'è "la necessità di un costante impegno delle istituzioni, degli intermediari e delle associazioni per evitare che possano aumentare i rischi". E' il monito che arriva dalla Banca d'Italia, ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca