Informazioni su possibile revocatoria - seconda parte

Ho ancora un dubbio: il mutuo che attualmente è sulla casa, e che sto pagando cosa succede con l'ipoteca della banca? Gli altri debiti che aveva mio padre se il creditore si surroga agli eredi li prende in carico lui? Una eventuale ipoteca volontaria di 2^ grado per scoraggiare il creditore sarebbe una soluzione stupida e inutile?

Oppure provare a trovare un accordo col creditore?

Voi che ne sapete molto più di me non avreste un consiglio per almeno trovare il male minore o per allungare la storia in modo da far mollare la presa al creditore o trovare un accordo ragionevole?

La banca ha ovviamente priorità per quel riguarda l'assegnazione del ricavato di una eventuale vendita all'asta. E, naturalmente il creditore procedente avrà interesse a promuovere un'azione espropriativa solo se c'è capienza del credito (o parte di esso) nel valore commerciale del bene al netto di quanto dovuto al creditore garantito (la banca) e delle spese.

L'unico consiglio valido che poteva essere dispensato era la vendita dell'immobile, prima della morte del papà. E poi, non riponga troppa fiducia in quelli che sanno: sono gli stessi che vi hanno messo nei pasticci inducendovi a improbabili vendite fra padre e figlio e fra marito e moglie. In pratica ci hanno guadagnato solo i notai.

Se la strategia vuole essere quella del "muoia Sansone con tutti i filistei" può provare ad attivare gli altri creditori di suo padre.

Di solito quando la preda è scarsa in consistenza, i lupi si danno battaglia per accaparrarsi la parte migliore..

13 marzo 2012 · Giorgio Valli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Requisiti per l'azione revocatoria - Quando l'atto dispositivo revocando viene effettuato dal debitore prima o dopo l'insorgenza del credito
Azione revocatoria di atti del debitore effettuati prima e dopo l'insorgenza del credito Qualora l'azione revocatoria abbia per oggetto atti del debitore disposti in epoca anteriore al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione revocatoria, la dolosa preordinazione dell'atto da parte del debitore al fine di compromettere ...
Azione revocatoria di atti disposti dal fideiussore del debitore
L'azione revocatoria ordinaria presuppone, per la sua esperibilità, la sola esistenza di un debito, e non anche la sua concreta esigibilità, con la conseguenza che, prestata fideiussione in relazione alle future obbligazioni del debitore principale connesse all'apertura di credito regolata in conto corrente, gli atti dispositivi del fideiussore successivi all'apertura ...
Fondo patrimoniale e onere della prova - la natura giuridica dei debiti e i bisogni familiari
Il fondo patrimoniale gode di impignorabilità e, quindi, va sottratto all'azione esecutiva del creditore. Tuttavia, spetta alla parte debitrice, opponente in sede di esecuzione, provare la regolare costituzione del fondo patrimoniale, la sua opponibilità al creditore pignorante e la circostanza che al creditore era stata resa nota la non riconducibilità ...
L'azione revocatoria ordinaria può essere esercitata anche se il bene alienato dal debitore è ipotecato per l'intero suo valore
Le condizioni per l'esercizio dell'azione revocatoria ordinaria consistono nell'esistenza di un valido rapporto di credito tra il creditore che agisce in revocatoria e il debitore disponente, nell'effettività del danno, inteso come lesione della garanzia patrimoniale a seguito del compimento da parte del debitore dell'atto traslativo, e nella ricorrenza, in capo ...
Fondo patrimoniale ed azione revocatoria
Come si esplica l'azione revocatoria del fondo patrimoniale La revocatoria è un'azione legale che può rendere inefficace il fondo patrimoniale. La revocatoria può essere chiesta al giudice dai creditori che siano in grado di dimostrare che la costituzione del fondo è stata esclusivamente finalizzata ad evitare il rimborso, tramite escussione ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca