Assegni e clausola non trasferibile - Dopo quanto tempo arriva la sanzione per i trasgressori?

Vorrei sapere quando è entrata in vigore la legge che impone l'obbligo della dicitura non trasferibile" per gli assegni superiori a mille euro e dopo quanto tempo arriva la sanzione per i trasgressori.

La norma in questione (articolo 49 del decreto legislativo 231/2007) è entrata in vigore Il 29 Dicembre 2007.

Il comma 4 dispone che I moduli di assegni bancari e postali sono rilasciati dalle banche e da Poste Italiane muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere, per iscritto, il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera.

Mentre il comma 5 stabilisce che Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a mille euro devono recare l'indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.

L'articolo 63 del medesimo decreto legislativo sancisce che, per la violazione della disposizione di cui all'articolo 49, comma 5 si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 3 mila euro a 50 mila euro.

Trattandosi di una sanzione amministrativa, la Pubblica Amministrazione ha 5 anni di tempo per contestare la violazione.

1 febbraio 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno bancario
norme antiriciclaggio
sanzione per assegno privo clausola non trasferibile

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno - obbligo della clausola non trasferibile per assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro
Per assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 1.000 euro è obbligatoria la clausola di "non trasferibilità". E' possibile richiedere per iscritto il rilascio di moduli di assegni utilizzabili senza clausola “non trasferibile” esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, ma bisogna corrispondere - a titolo ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - Tutto come prima per quanto riguarda gli assegni
È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro. Il ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Viviamo in un paese assai strano: se ti porti a casa 600 mila euro, con insider trading, tutto fila liscio. Ma se paghi il funerale di tuo nonno con un assegno di quattromila euro, privo della clausola non trasferibile, allora si scatena il finimondo! (Video)
Premessa Per rendere chiaro il contesto normativo della paradossale vicenda che verrà nel prosieguo esposta, ricordiamo che l'articolo 49, comma 5, del decreto legislativo 231/2007, vieta il trasferimento di una somma di denaro pari o superiore a mille euro, a mezzo di assegno bancario privo della clausola di non trasferibilità. ...
Quanto costa la sanzione per omessa o infedele dichiarazione dei redditi
Per omessi, insufficienti o ritardati versamenti diretti (saldo, acconto, periodici) la sanzione amministrativa è pari al 30% dell'imposta dovuta e non pagata. La sanzione è ridotta a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, se il versamento è effettuato entro 15 giorni. In caso di omessa dichiarazione dei redditi la sanzione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca