Informazioni riguardo il cambio di residenza

Vorrei sapere se è possibile variare la residenza presso un’abitazione di mia proprietà situata nello stesso comune avendo un reddito zero: il comune può rifiutare questa mia richiesta a causa della mancanza di reddito? Per l’accettazione del cambio di residenza bisogna necessariamente aver attive le utenze (luce, acqua) ed avere i mobili in casa?

Infine volevo sapere se per dimora abituale si intende il vivere quasi tutto il giorno nell’abitazione oppure si può anche andarci solo per dormire. Cosa devono controllare per legge i vigili?

Sicuramente a Palermo, dova amministra il sindaco Orlando, (ma forse anche a Napoli con De Magistris) la polizia municipale, per accertare la residenza, non effettua alcuna indagine su reddito percepito, mobili presenti nell’appartamento in cui il richiedente va a vivere, utenze attive: basta essere un immigrato. Non conosco le procedure vigenti in altre parti d’Italia.

Di solito, la polizia municipale si limita ad accertare che il richiedente la variazione anagrafica sia reperibile nel luogo in cui ha dichiarato di spostare la propria residenza, anche chiedendo informazioni ai vicini o al portiere. Le visite ispettive della polizia municipale sono spesso programmate di prima mattina, considerando che chi ha richiesto il cambio di residenza può essere impegnato in attività lavorative durante la giornata. Non di rado, la polizia municipale lascia un numero telefonico di contatto per concordare fasce orarie in cui il richiedente la variazione anagrafica dichiara di essere reperibile presso la nuova residenza.

Quello che è certo è che, entro 90 giorni dall’acquisizione della nuova residenza, bisogna effettuare iscrizione negli appositi elenchi comunali per pagare la tassa sulla spazzatura prodotta nell’appartamento in cui si va a vivere (oppure, se è già presente una famiglia, è necessario integrare la dichiarazione ed aggiornare il numero di componenti per l’adeguamento della tariffa).

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mia suocera ha la residenza presso la mia abitazione ma vive altrove - Fa parte del mio nucleo familiare?
Mia suocera ha la residenza presso la mia abitazione, ma la sua dimora abituale da diversi anni è in un altro comune: deve essere inserita nel mio nucleo familiare e quindi nella mia dichiarazione isee con il suo reddito da pensione? ...

Cambio residenza per borsa di studio
Percepisco una borsa di studio universitaria di circa 700 euro all'anno e sono a carico di mia madre la quale prende circa 30 euro in più sulla busta paga, credo in forma di assegni familiari. Mio padre vive in un'altro comune e prendendo la residenza con lui avrei diritto a più del doppio dell'importo. Volevo sapere se facendo il cambio di residenza il reddito di mia madre influisce comunque sull'isee di mio padre o se automaticamente divento a carico suo e basta. I miei sono divorziati. Vorrei sapere anche se posso andare incontro a qualche grana. ...

Cambio residenza presso residenza effettiva dopo precetto
In quanto rappresentante legale di una sas, ho ricevuto un atto di precetto: per prevenire un eventuale pignoramento mobiliare presso la residenza, devo finalmente aggiornare la mia residenza anagrafica, attualmente a casa di mia madre, per trasferirla dove risiedo effettivamente. La mia domanda è che, siccome che gli atti sono stati comunicati anche all'indirizzo di residenza, consegnati dal postino, sapendo dove vivo, al mio indirizzo effettivo (nello stesso comune), non vorrei, una volta trasferita la residenza, rischiare problematiche nella vecchia residenza dove i pochi mobili sono di proprietà di mia madre (pochi, non vivendoci attualmente neanche lei). Se avessi la ...

Dove mi trovo?