Cosa succede se uno dei due cointestatari non paga la propria quota di mutuo?

Il mio compagno ha un mutuo cointestato con il padre, con garante la madre e ipoteca sulla casa di proprietà del padre e della madre. Questo mutuo era stato aperto per coprire vari debiti aperti (vari finanziamenti da entrambe le parti). La rata mensile è di euro 600 che vengono versati a metà quindi 300 da parte del mio compagno e 300 da parte del padre. Se il mio compagno dovesse smettere di pagare la sua parte per problemi economici (ultimamente ci troviamo in difficoltà economiche), la banca come si muoverebbe?

Il mio compagno non ha soldi nella banca dove ha il mutuo con il padre ma ha un conto corrente in un altra banca (cointestato con me), in cui comunque non c'è molto denaro. Inoltre, oltre al mutuo con il padre ne ha uno cointestato con me per una rata mensile di circa 600 euro con ipoteca sulla casa in cui viviamo intestata al 50% ciascuno.

Volevo capire se il mio compagno smettesse di pagare la sua parte, la banca andrebbe a prendere i soldi che ha sul conto corrente nella nostra banca? O potrebbe pignorare il quinto dello stipendio? E in questo caso pignorerebbe lo stipendio del mio compagno già gravato anche dal nostro mutuo oppure la pensione del padre?

Purtroppo il mio compagno ha stipulato questo mutuo con il padre non pensando che i suoi debiti erano inferiori ma che comunque avrebbe dovuto continuare a pagare fino alla fine la metà della rata.

In quanto non sposati dò per scontato che non possano rivalersi sul mio conto corrente personale (intestato solo ed esclusivamente a me). Spero di aver spiegato il problema in modo chiaro.

Cerchiamo di semplificare il problema: il suo compagno (debitore) ha due mutui ipotecari cointestati, uno con il genitore (che indichiamo con mutuo A), l'altro con lei (che indichiamo con mutuo B).

A fronte di un mutuo cointestato esiste una sola rata da versare alla scadenza, indipendentemente dagli accordi interni fra i cointestatari sulla ripartizione delle rispettive quote.

Cosa succede se non si paga un mutuo cointestato? Il creditore sceglie l'azione esecutiva più efficace (in termini di probabilità di successo nonché di costi di procedura) e tempestiva (che gli garantisce il rimborso nel minor tempo possibile) nei confronti di uno qualsiasi dei cointestatari del mutuo e/o dei garanti inadempienti.

In pratica, per inadempimento rispetto al rimborso del mutuo A, potremmo avere: pignoramento ed espropriazione dell'immobile intestato ai genitori garanti del debitore (dipende se sulla casa ci sono ipoteche di grado anteriore a quella che potrebbe iscrivere il creditore che ha erogato il mutuo A, dal valore e dalla commerciabilità del bene); pignoramento ed espropriazione dell'immobile cointestato fra il debitore e la convivente, per la quota di comproprietà spettante al debitore (dipende se sulla casa ci sono ipoteche di grado anteriore a quella che potrebbe iscrivere il creditore che ha erogato il mutuo A, dal valore, dalla facile divisibilità e dalla commerciabilità del bene); pignoramento dello stipendio del debitore; pignoramento del conto corrente del debitore (anche se cointestato con la convivente per la quota di spettanza al debitore); pignoramento del conto corrente dei garanti del debitore; pignoramento delle pensioni dei garanti del debitore.

Per inadempimento rispetto al rimborso del mutuo B, potremmo avere: pignoramento ed espropriazione dell'immobile in comproprietà fra il debitore e la convivente (dipende se sulla casa ci sono ipoteche di grado anteriore a quella che potrebbe iscrivere il creditore che ha erogato il mutuo B, dal valore e dalla commerciabilità del bene); pignoramento dello stipendio del debitore; pignoramento integrale del conto corrente cointestato al debitore e alla propria convivente; pignoramento del conto corrente del debitore; pignoramento del conto corrente personale intestato alla convivente del debitore, in qualità di cointestataria inadempiente del mutuo B.

30 settembre 2017 · Ornella De Bellis


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti - garante
rata mutuo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'ABF ci ripensa » In caso di conto corrente cointestato e pignoramento dell'intero saldo su azione esecutiva promossa verso uno dei cointestatari, il correntista non debitore deve rivolgersi al giudice dell'esecuzione per liberare la propria quota
Il collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 8227/15, ha in parte modificato l'orientamento precedentemente assunto dai collegi di Milano e Napoli (fra le altre vedasi la decisione 740/13) in tema di pignoramento di un conto corrente cointestato in seguito all'azione esecutiva promossa dal creditore nei confronti di ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - quando uno solo dei cointestatari è debitore
Molto spesso la banca, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto cointestato al debitore sottoposto ad esecuzione. Ma, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario cointestato al debitore e ad una persona estranea all'obbligazione, ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Conto corrente cointestato » Non è scontato che le somme contenute siano divise al 50% tra i due cointestatari
In un conto corrente cointestato, non è scontato che le somme contenute siano divise al 50% tra i due cointestatari. Se un conto corrente bancario è cointestato, le giacenze che esso ospita si presumono appartenenti ai cointestatari in quote eguali; si tratta però di una presunzione vincibile mediante una prova ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - Cosa può fare il cointestatario non debitore per tutelare i propri diritti
In un conto corrente cointestato si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari, senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno di essi, neppure per quote ideali. In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, come il pignoramento del conto corrente, in seguito ad azione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca