Informazione legale

Avendo una ditta individuale in gestione (solo la p.iva) a nome mio e alcuni debiti con aziende che non sono capace di saldare perché la vendita è poca e per lo più mi hanno già pignorato solo il conto perché il resto non possiedo niente, volevo sapere o meglio mi e stato riferito che un avvocato di azienda può chiedere il fallimento della persona.

Mi spiego con un azienda stavamo facendo un accordo di pagamento io dicevo una cifra che potevo saldare e l'avvocato da parte sua chiedeva un altra cifra che io non potevo pagare. Allora io dissi che non potevo pagare al di fuori la cifra che io dissi e lui mi minacciò che avrebbe chiesto al giudice il fallimento della ditta, che in questo caso é individuale e sono io il proprietario. Tutto questo perché io non ho consentito alla cifra che diceva lui e perché quando è venuto l ufficiale giudiziario non ha potuto pignorare nulla perchè l'azienda e in gestione e la casa e in affitto e quindi è andato a vuoto.

Non può essere chiesto il fallimento di un imprenditore che:

  1. abbia avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila;
  2. abbia realizzato, nei tre esercizi precedenti, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila
  3. abbia un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila.

6 giugno 2012 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Impresa familiare e trattamento fiscale - Come funziona
Nel regolare i rapporti tra titolare dell'impresa familiare e suoi collaboratori, parenti e affini, quando tra questi non sia stato configurato un diverso rapporto (quale prestazione di lavoro subordinato, società, associazione in partecipazione o comunione di azienda), Il Codice civile (articolo 230 bis) prevede che ai collaboratori che prestino la ...
Recupero TFR - Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia INPS quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo
E' possibile recuperare il TFR (trattamento di fine rapporto) tramite il fondo di garanzia dell'INPS nel caso in cui la vostra azienda abbia presentato domanda di concordato preventivo. Quando l'azienda presso cui lavorate manifesta dei segnali di rischio potenziale come pagamenti insoluti, è bene cominciare a drizzare le antenne. Dunque, ...
Cessione d'azienda e di ramo d'azienda - Dei debiti risponde l'acquirente o l'alienante?
La regola generale prevede che nel trasferimento dell'azienda i creditori aziendali possono contare sulla responsabilità sia dell'alienante che dell'acquirente, entrambi obbligati in solido. La previsione della solidarietà dell'acquirente dell'azienda nella obbligazione relativa al pagamento dei debiti dell'azienda ceduta è posta a tutela dei creditori, e non dell'alienante: sicché, essa non ...
Equitalia » Valido il fermo amministrativo e il pignoramento dei contributi pubblici
Equitalia: si al fermo amministrativo e al pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Equitalia può spiccare il fermo amministrativo e il pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Ciò perché la speciale procedura non concerne un rapporto fra privati ma fra amministrazione e società. Questo, riassunto brevemente, ...
Multa elevata da ausiliario del traffico » Dev'essere specificata la qualifica del verbalizzante altrimenti è da annullare
La multa, per aver sostato senza pagare il parchimetro, va annullata se ad eseguirla è stata un ausiliario del traffico senza qualifica da verbalizzante concesso dalla ditta appaltatrice. Deve essere annullato il verbale di multa per aver lasciato l'autovettura in sosta omettendo il pagamento se non è specificata la qualifica ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca