Indennità di Naspi - Qual è il calcolo corretto?

Vorrei chiedere cortesemente il criterio con il quale l'Inps calcola la nuova indennità di disoccupazione Naspi.

Illustro la mia situazione. Ho lavorato con orario ridotto partime dal 04/04/2015 al 12/12/2016 con una retribuzione di Euro 1763 e dal 28/03/2016 al 31/05/2016 percependo Euro 833. Totale Euro 2596.

L'Inps mi comunica di avermi corrisposto la Naspi per un totale di 60 giorni e con circa 170 euro ogni 30 giorni, quindi appena 340 euro.

Da quanto ho potuto capire ha effettuato prima la divisione della retribuzione per il numero di settimane totali quindi circa 48 e, ha poi preso come riferimento per le giornate effettivamente da pagare solo le 15 settimane che ha effettivamente accreditato ai fini pensionistici ( 12 + 3).

Mi chiedo se questo sia giusto, perchè secondo ciò che ho potuto verificare in vari siti internet il conteggio esatto sarebbe stato: 2596/15×4.33=euro 749 di cui il 75% euro 561 circa al mese per 7 settimane e mezzo con un totale di circa 945 in 7.5 settimane.

Nulla sarebbe cambiato se il totale fosse stato diviso per il numero totale di 48 settimane e l'indennità sarebbe stata percepita per circa 6 mesi, come mi sembra giusto che sia.

Così mi sembra una grande fregatura. Se avessi lavorato di seguito 15 settimane l'importo sarebbe stato quello che ho calcolato, non capisco perchè dovrei essere penalizzata

Prima di recarmi all'inps, vorrei conoscere il Vostro parere.

La NASpI è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni. Se è 15 il numero delle settimane accreditate ai fini pensionistici negli ultimi quattro anni, l'indennità settimanale NASpI viene corrisposta per 7 settimane e mezza.

La retribuzione imponibile ai fini previdenziali è data dal 75% del totale percepito negli ultimi quattro anni (75% d 2596 euro) con un massimo di 1.195 euro (per il 2015).

Nella pratica, l'indennità NASpI, è commisurata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni, divisa per il totale delle settimane di contribuzione e moltiplicata per il coefficiente numerico 4,33.

Si ottiene così, nel suo caso, una indennità NASpI pari a 1195/15*4,33, cioè circa 340 euro.

28 luglio 2016 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Indennità di maternità anche alle madri libere professioniste che adottano un minore con sei o più anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Anche le madri disoccupate hanno diritto all'indennità di maternità
Cominciamo con il definire cosa sia il congedo di maternità: il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio. Il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro prima del parto comprende i 2 mesi precedenti la data presunta ...
Strano ma vero » Al trasfertista non può essere riconosciuta un'indennità di trasferta
Si indica come trasfertista il lavoratore che svolge la propria attività abitualmente (e non prevalentemente) in cantieri esterni sempre variabili e diversi e mai presso la sede della società o presso suo altro stabilimento. La normativa vigente dispone che le indennità e le maggiorazioni di retribuzione spettanti ai trasfertisti, anche ...
Anche alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici i benefici previsti per le madri lavoratrici dipendenti
Come sappiamo, al fine di sostenere la genitorialità , promuovendo una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all'interno della coppia e per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il padre lavoratore dipendente, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, ha l'obbligo di ...
Legge 104 - Indennità per madre che assiste figlio con grave handicap: va corrisposta anche nella tredicesima
La legge prevede il diritto della madre che presta assistenza al proprio bambino con handicap, in situazione di gravità, di fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperti da contribuzione figurativa. I contributi figurativi, per chi non lo sapesse, sono contributi accreditati, senza onere a carico del lavoratore. Ad ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca