Indennità Covid-19 per lavoratori domestici e NASPI » Sono incompatibili?

Avendo un contratto attivo e valido come badante il 23/02/2020 (quindi soddisfo questa condizione per il decreto Rilancio) ma poi licenziata con diritto alla NASPI in data 24/03/2020; volevo chiedere quanto segue.Ho già presentato la domanda per l’indennità suddetta direttamente sul portale INPS e dopo una settimana ho incaricato un Patronato di procedere alla richiesta della NASPI e quindi potrei avere in corso 2 richieste contemporaneamente.

Dal momento che il “bonus” di 500 euro è previsto solo per i mesi di aprile e maggio e la richiesta per la NASPI non è ancora stata avviata..e potendo fare la domanda anche dopo entro giugno o luglio, posso avere diritto ad entrambi i sussidi? Penso che se ritardo la presentazione della NASPI intanto avrei diritto a prendere le 500 euro dei soli 2 mesi, o mi sbaglio?

L’indennità per i lavoratori domestici è incompatibile con le altre indennità erogate dall’INPS per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica Covid-19, con il Reddito di Emergenza e con il Reddito di Cittadinanza.

Più precisamente, l’indennità per i lavoratori domestici è incompatibile con:

  • l’indennità per i professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;
  • l’indennità per i lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago;
  • l’indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
  • l’indennità lavoratori del settore agricolo;
  • l’accesso al Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19;
  • il Reddito di emergenza;
  • il Reddito di cittadinanza, il cui ammontare del beneficio risulti superiore o pari all’ammontare dell’indennità Lavoratori Domestici.

Spetta al lavoratore domestico per il quale risulti l’iscrizione del rapporto di lavoro attivo nella Gestione dei Lavoratori domestici dell’INPS; per il quale l’orario settimanale dell’unico rapporto di lavoro o la somma dell’orario dei vari rapporti di lavoro, alla medesima data del 23 febbraio 2020, abbia una durata complessiva superiore a 10 ore; per il quale non risulti la convivenza con alcuno dei datori di lavoro.

La durata complessiva, superiore a 10 ore settimanali, deve risultare dalle comunicazioni inviate all’INPS dal datore di lavoro entro il 23 febbraio 2020.

Infine, anche la condizione della “non convivenza” con il datore di lavoro è desunta dalle comunicazioni inviate all’INPS dal datore di lavoro entro la predetta data, sulla base del contratto.

Tuttavia, la normativa vigente non ha previsto alcuna incompatibilità fra l’indennità spettante per i lavoratori domestici e l’indennità di disoccupazione NASpI.

30 Maggio 2020 · Chiara Nicolai

Leggendo in questi giorni siti, decreti oltre che circolari dell’ultima ora dell’Inps noto una gran confusione provocata dal governo e 1000 decreti attuativi. Appena l’Inps ha reso disponibile la domanda per il bonus colf -badanti di 500 euro mi sono precipitata a farla on line direttamente. Però anche dalle risposte a qualche domanda persino in questo forum non si ha assoluta certezza se il bonus è cumulabile o compatibile con Naspi e Dis-CoLL. Siccome ho intenzione di presentare proprio la Naspi (che è più duratura rispetto al bonus colf) vorrei rinunciare alla domanda già presentata on line, salvo ripresentarla successivamente alla Naspi nel caso venisse accertata al 100% la loro compatibilità e sempre ammesso che poi l’Inps la riammetta in lavorazione. E’ già successo un ripensamento e poi una ripresentazione di una stessa prestazione? Cosa rischio?

Nulla possiamo aggiungere rispetto a quanto riportato nell’intervento precedente, se non che sarebbe difficile per l’INPS recuperare l’eventuale indebito qualora fosse già stato emesso il provvedimento e il relativo pagamento, e successivamente dichiarata l’incompatibilità fra NASpI e l’indennità fruita dal lavoratore domestico.

Il recupero dell’indebito, infatti, potrebbe basarsi esclusivamente su una dichiarazione falsa o mendace resa dal richiedente l’indennità in fase di presentazione della domanda (articolo 71 del DPR 445/2000).

30 Maggio 2020 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Indennità Covid-19 per lavoratori intermittenti
Vorrei chiedervi se ho diritto all'indennità Covid, da parte dell'Inps in quanto avevo un contratto di lavoro intermittente. Vi illustro la situazione: Il mio contratto intermittente è iniziato il 1 ottobre 2019 ed è finito il 5 aprile 2020, poiché il locale nel quale lavoravo ha chiuso. Sto percependo la Naspi, però ho letto per caso nel sito Inps, che per i mesi di marzo, aprile e maggio hanno diritto ad una indennità di 600 euro al mese i lavoratori autonomi, turismo, spettacolo, agricoli e intermittenti. Inoltre dice proprio che tale indennità è compatibile con la Naspi, ma non fa ...

Indennità COVID-19 per lavoratori autonomi - Come ottenerla?
Qualcuno potrebbe dirmi dove poter fare la domanda per ricevere i 600 Euro del decreto Cura Italia per i possessori di partita iva? ...

Contributo Coronavirus (500 euro) per lavoratrice domestica con contratto colf-badanti licenziata il 23 marzo 2020
Ho letto ieri il Decreto Rilancio e pare che per le colf e badanti sia possibile accedere ai 500 euro di "bonus" per i mesi di aprile e maggio 2020. Io avevo un contratto attivo a febbraio 2020 (condizione richiesta dal Decreto anche se poi il 23 marzo 2020 con giustificato motivo oggettivo sono stata licenziata. Posso accedere ai 500 euro per dette mensilità? Inoltre, formando nucleo familiare esclusivo e solo con mio marito (disoccupato e con tutti i requisiti di Isee e patrimoniali validi per richiedere il REM) possiamo aver diritto ad entrambi i sussidi previsti? ...

Dove mi trovo?