Incentivi occupazione MEZZOGIORNO e NEET - Nuove opportunità di lavoro per i giovani?

Sono un giovane ragazzo del Sud Italia, con molta voglia di lavorare e di rendersi autonomo senza per forza dover lasciare la mia terra ed emigrare altrove.

Ho sentito dire di alcune nuove normative che offrono incentivi alle aziende che assumono giovani.

Vorrei saperne qualcosa in più e se, vero, esporla ai prossimi colloqui di lavoro.

Con l'adozione di due decreti l'ANPAL (Agenzia nazionale politiche attive lavoro) ha reso operativi due nuovi incentivi per le assunzioni nel Mezzogiorno e a favore dei giovani NEET iscritti al programma Garanzia Giovani.

I due incentivi valgono per le assunzioni operate dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018.

L'incentivo Occupazione Mezzogiorno prevede un rafforzamento del bonus inserito nella legge di bilancio per le assunzioni di giovani sotto i 35 anni.

In particolare l'incentivo riguarda le seguenti categorie di lavoratori:

  • lavoratori di età compresa tra i 16 anni e 34 anni di età;
  • lavoratori con 35 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

Lo schema predisposto dall'ANPAL, la cui attuazione è demandata all'INPS, riguarda le Regioni Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Per le assunzioni è previsto lo sgravio totale dei contributi a carico dei datori di lavoro, da fruire mediante conguaglio sui contributi INPS

Accanto a questo bonus viene riproposto l'incentivo Occupazione NEET, per i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani.

Anche in questo caso è previsto lo sgravio totale dei contributi a carico dei datori di lavoro, da fruire mediante conguaglio sui contributi INPS, per un periodo di dodici mesi.

Possono beneficiare del Bonus assunzione giovani Neet i lavoratori assunti a tempo indeterminato che:

  • aderiscono al programma Garanzia Giovani, ora programma operativo nazionale Iniziativa occupazione giovani;
  • sono di età compresa tra i 16 e i 29 anni;
  • hanno assolto al diritto-dovere di istruzione e formazione, se minorenni;
  • non sono inseriti in un percorso di studio o formazione.

14 marzo 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

sostegno al reddito inclusione attiva e reddito di inclusione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Giovani genitori disoccupati o precari - Una chance per trovare un lavoro stabile
Il Ministro della Gioventù ha stanziato 51 milioni di euro per la realizzazione di interventi in favore dell'occupazione di soggetti di età non superiore a 35 anni e con figli minori. In pratica, viene erogato un incentivo di 5 mila euro a favore delle imprese che provvedono ad assumere in ...
Il progetto garanzia giovani dell'Ue per trovare lavoro » La guida al programma contro la disoccupazione giovanile
La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a ...
Programma garanzia giovani » più facile l'inserimento nel mondo del lavoro
Il 2014 è l'anno di avvio della Youth Guarantee, programma europeo per favorire l'occupabilità e l'avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. Un percorso che prevede una serie di misure, a livello nazionale e territoriale, volte a facilitare la presa in carico dei giovani tra 15 e 25 anni per ...
Agevolazioni mutui giovani » Ora requisiti meno restrittivi
Condizioni per l'accesso al Fondo di Garanzia delle giovani coppie che chiedono un mutuo per la prima casa: dal 21 settembre 2013 i requisiti di accesso a tali agevolazioni sono stati modificati così da consentire a più soggetti che vogliano acquistare un'abitazione di avere un finanziamento che, teoricamente, dovrebbe venire ...
Incentivo all'esodo per ex coniuge obbligato - Al coniuge divorziato beneficiario spetta il 40 per cento dell'importo riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro é coinciso con il matrimonio
Le somme corrisposte dal datore di lavoro, in aggiunta alle spettanze di fine rapporto, come incentivo alle dimissioni anticipate del dipendente (cosiddetti incentivi all'esodo) non hanno natura liberale né eccezionale, ma costituiscono reddito di lavoro dipendente, essendo predeterminate al fine di sollecitare e remunerare, mediante una vera e propria controprestazione, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca