Incasso di un assegno presentato allo sportello dopo la scadenza dei termini

Buonasera a tutti, ho un grosso problema: ho in mano un assegno bancario non trasferibile a mio nome che è datato 2011. Non l'ho mai incassato per accordi con chi l'ha emesso, ed ora che questi accordi sono stati disattesi mi sono presentato per versarlo.

Il cassiere ha subito detto che i loro sistemi non permettevano la registrazione di una data così vecchia. Allora mi sono rivolto al direttore che ora sta interpellando l'ufficio legale della banca per sapere cosa deve fare. Chiedo una cosa importante.

Siccome il correntista che ha emesso l'assegno, anche lui titolare del conto nella stessa filiale, è un "pesce grosso", ho messo le mani avanti dicendo di non provare a mettere i bastoni tra le ruote per tutelare quel correntista. E ho intimato al direttore di non provare a mettere in moto le solite chiamate informali a tutela dei soliti noti.

Chiedo ... sono conscio esista il diritto di revoca all'incasso, ma tale revoca può avvenire dopo aver appreso la notizia dalla banca della mia operazione o deve necessariamente avere data precedente?

Insomma, se io so di avere un assegno fuori e non volessi venisse incassato presento alla banca la revoca scritta all'incasso, ma se non lo faccio e faccio il furbo, produco la revoca nel giorno in cui mi chiamano dicendomi che l'assegno sta per essere incassato. E' lecito?

Come lei dimostra benissimo di sapere, l'assegno presentato dopo la scadenza dei termini deve essere comunque pagato. Se sul conto corrente del traente (colui che ha emesso l'assegno) non c'è sufficiente liquidità ad assicurarne la copertura, la banca (o Poste Italiane) deve elevare il protesto e provvedere alla segnalazione in CAI (Centrale Allarme Interbancaria).

Ciò, naturalmente, a meno che, il traente non abbia dispensato la banca dal pagamento con effetto vincolante, disponendo un ordine formale di revoca dell'assegno se portato all'incasso dopo la scadenza dei termini di presentazione.

Ora, se il direttore della banca si accorda con il traente accettando dal traente e, mettendo agli atti, una revoca di pagamento con data anteriore a quella in cui l'assegno è stato presentato allo sportello, commette un reato. Non ci vuole la zingara per capirlo.

Il problema, è come sempre, poter dimostrare l'illecito.

In ogni caso, l'assegno non pagato perché presentato oltre i termini, le darebbe comunque modo di chiedere un decreto ingiuntivo, se riesce a dimostrare al giudice la sussistenza del rapporto sottostante per il quale l'assegno è stato emesso.

15 novembre 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno - termini di presentazione
assegno bancario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, ...
Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della ...
Assegni bancari e postali - Non salva dal protesto la revoca di pagamento prima della scadenza dei termini di presentazione
L'articolo 35 del regio decreto 1736 del 1933 stabilisce che l'ordine di non pagare la somma recata dall'assegno bancario ha effetto solo dopo che sia scaduto il termine di presentazione. La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell'affidamento del prenditore, quanto meno fino ...
Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...
L'ordine di non pagare l'assegno ha efficacia solo dopo la scadenza del termine di presentazione
L'assegno è un titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: otto giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; quindici giorni, se l'assegno è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca