Inadempienza contrattuale con H3G - Cosa possono farmi?

Avevo sottoscritto 2 abbonamenti con H3G, dopo vari mesi a pagare bollette con consumi fantasma, ho deciso di pagare solo il finanziamento dei cellulari e non la 3 come telefonia che dopo poco tempo mi ha bloccato la scheda. Intanto mi ha chiamato dicendo che avevo una somma pari a 700 euro circa da pagare altrimenti passata tramite recupero crediti. Io non ho assolutamente intenzione di pagare ciò, quindi chiedo cortesemente nel caso non dovessi pagare cosa possono fare? Se possono togliermi soldi dallo stipendio o pignorarmi ad esempio la macchina?

Non capita spesso di leggere di chi, consapevole di essere inadempiente, non si perde in preamboli e giunge subito al nocciolo della questione.

Tradotto: non perdete tempo a rispondermi che ho sbagliato e come andava portata avanti una procedura corretta di rescissione contrattuale. Lo so da me e non ho troppo tempo da perdere. Ditemi cosa può accadere adesso, arrivederci e grazie.

Bene! Di solito le cose vanno così: H3G cede il credito e quindi al debitore non resta altro da fare che sorbirsi le continue telefonate degli addetti al contact center della società cessionaria, reagendo come la legge gli consente, se vuole e crede, per evitare continue scocciature e mettere in riga i disperati in cerca di sudate provvigioni sul recuperato.

Alcune volte però (forse a campione, dipende dalle policies vigenti al momento) il creditore originario (H3G nel caso specifico) decide di inviare un segnale chiaro al mercato per evitare che tutti possano credere di poter fare come meglio credono.

Ed allora, individuato il debitore insolvente che percepisce uno stipendio, possiede un veicolo oppure è proprietario di un immobile, passano la pratica ad un ufficio legale (interno o esterno all'azienda), richiedono al giudice un decreto ingiuntivo e procedono poi all'azione esecutiva con pignoramento di stipendio, ipoteca o pignoramento del veicolo, iscrizione di ipoteca sull'immobile.

Non essendo in gioco la convenienza economica della riscossione coattiva, poco importa se la spesa non vale l'impresa. Si colpisce un debitore per educarne cento.

Questo è tutto.

8 luglio 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sosta su strisce blu - quando c'è inadempienza contrattuale e quando la multa
Chi espone un ticket scaduto in una zona soggetta a tariffa oraria non incorre in una multa stradale ma in una inadempienza contrattuale. Chi omette completamente di esporre lo scontrino è soggetto ad una multa di 41 euro. All'esame di questi aspetti, scontrino sì/scontrino no, è stata addirittura dedicata una ...
Debiti – cosa fare quando non si può pagare
La decisione di sospendere i pagamenti è nel Vostro caso - extrema ratio - condivisibile: non si umanamente pretendere che una famiglia si spinga al di sotto della soglia di sussistenza per rispettare gli impegni assunti. Tuttavia, la conseguenza più probabile di questa situazione saranno, a lungo andare, il pignoramento ...
Recupero crediti all'estero » La procedura: iter unico
Arrivare ad una procedura unica comunitaria per il recupero crediti all'estero: è questo l'obiettivo del Consiglio dell'Unione europea. Il Parlamento Ue ha adottato un regolamento ad hoc che introduce uno strumento unico, in ambito comunitario, per il recupero crediti a livello internazionale in materia civile e commerciale. La procedura unica ...
Procedura esattoriale ed ordinaria di escussione coattiva dei debiti
Un ente locale può mettere a ruolo i canoni d'affitto (non essendo tributi) non pagati dall'affittuario e trasmetterlo per la riscossione coattiva ad una società di riscossione? Senz’altro sì, in quanto un ente locale può affidare un servizio di recupero crediti ad una qualsiasi società specializzata. Quello che non può ...
Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca