Impugnazione cartella esattoriale dopo richiesta rateizzazione – E’ possibile?

Ho ricevuto quindici giorni fa la notifica di una cartella esattoriale ed ho subito richiesto la rateizzazione della somma con essa pretesa all’Agenzia per la riscossione delle entrate. Successivamente, però, mi sono accorto che il tributo contestato, da cui era stata originata la cartella, non è in realtà dovuto.

Alcuni commercialisti, da me interpellati, riferiscono che la richiesta di rateizzazione preclude la possibilità di ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale. Voi confermate?

In materia tributaria, non costituisce acquiescenza, da parte del contribuente, l’aver chiesto ed ottenuto, senza alcuna riserva, la rateizzazione degli importi indicati nella cartella di pagamento, atteso che non può attribuirsi al puro e semplice riconoscimento d’essere tenuto al pagamento di un tributo, contenuto in atti della procedura di accertamento e di riscossione (denunce, adesioni, pagamenti, domande di rateizzazione o di altri benefici), l’effetto di precludere ogni contestazione in ordine a quanto si presume dovuto, salvo che non siano scaduti i termini di impugnazione.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nell’ordinanza 3347/2017.

29 Dicembre 2019 · Paolo Rastelli

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?