Imposta sul valore degli immobili situati all'estero (IVIE)

Mia moglie cittadina straniera residente nel suo paese e senza legami (a parte me - legame familiare) con l'Italia (vivo insieme a mia moglie nel suo paese, ma ritenuto fiscalmente residente in Italia in quanto possessore di immobili locati) ha acquistato prima del matrimonio un immobile (nel suo paese) esclusivamente intestato a lei. Manco ci conoscevamo.

In occasione di tale acquisto contrae un mutuo intestato a lei. Avrei dovuto dichiarare il 50% del ivie dell'immobile? (presunzione della comunione legale? Che per l'agenzia c'è sempre).

L'imposta sul valore degli immobili situati all'estero (IVIE) è dovuta dalle persone fisiche residenti in Italia che possiedono immobili all'estero, a qualsiasi uso destinati.

Gli immobili acquistati in proprietà da uno dei coniugi prima del matrimonio, non rientrano nella comunione dei beni (articolo 177 codice civile).

2 giugno 2016 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Polizza rc auto » Possibile contrarla all'estero?
Qualora si abbia la possibilità di stipulare la polizza rc auto per il proprio autoveicolo in un altro Paese Ue, con costi minori, è possibile fare l'assicurazione, anche se non si è residente in quel Paese, in base alle regole europee? Facciamo un po' di chiarezza. In tema di assicurazione ...
Le banche non possono concedere mutui ipotecari per un importo superiore al reale valore dell'immobile oggetto di compravendita
Secondo quanto disposto dal Testo unico sulle leggi in materia bancaria e creditizia, le banche non possono concedere mutui ipotecari per un importo superiore al reale valore dell'immobile oggetto di compravendita. L'ammontare massimo dei finanziamenti di credito fondiario non può superare l'80% del valore del bene ipotecato. Tale valore può ...
Agevolazione fiscale prima casa » Non perde i benefici il cittadino che si deve trasferire all'estero per ragioni di lavoro
L'agevolazione fiscale per la prima casa resta valida anche se non si abita nell'immobile: chi risiede all'estero, infatti, non perde il beneficio se vende e ricompra l'abitazione. Non decade dall'agevolazione prima casa il contribuente che venda la casa prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto e ne compri ...
Mutuo ed imposta sostitutiva - agevolazioni prima casa
Quando si stipula un contratto per il mutuo casa bisogna pagare anche l'imposta sostitutiva. Con un importante distinguo. In caso di acquisto della prima casa sono previste una serie di agevolazioni: l'aliquota sull'imposta è, infatti, ridotta allo 0,25% dell'importo del mutuo contro il 2% che, invece, paga chi richiede un ...
Fondo patrimoniale e ipoteca sul bene incluso
Efficacia dell'inclusione nel fondo patrimoniale di un bene oggetto di iscrizione ipotecaria effettuata in data antecedente a quella di costituzione del fondo Il fondo patrimoniale non tutela i beni in esso inclusi con efficacia retroattiva. Ad esempio, nel caso di acquisto di un immobile con mutuo ipotecario, l'inserimento dell'immobile in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca