IVIE - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero » devo pagare lo 0.76% o lo 0.4%?

Scusate, ma in merito alla discussione già in corso non ci capisco più niente: vivo all'estero anagraficamente, ma non fiscalmente e fino ad oggi ho pagato l'IVIE allo 0,76% non rientrando nei casi previsti dalla circolare 02/07/2012 dell'AdE e sul loro sito riportata.

Tuttavia leggendo l'articolo 19 del dl 201/2011, sempre presente nella documentazione del sito dell'AdE, non si fa nessun riferimento ai casi della circolare.

Premesso che l'immobile estero corrisponde ad un A/3 in Italia. Quanto debbo pagare di IVIE. E' corretto continuare a pagare lo 0,76%. Oppure sto facendo inutili regali allo stato?

Visto che per la prima rata ho già pagato in base allo 0,76%. Secondo voi, se ho pagato troppo, c'è modo di recuperare i soldi?

A decorrere dal 2012 è istituita un'imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato.

L'imposta è stabilita nella misura dello 0,76 per cento del valore degli immobili.

L'imposta non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa e alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

18 agosto 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

IVIE - Imposta sul Valore degli Immobili situati all’Estero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Immatricolazione auto all'estero per non pagare multe bollo e assicurazione » Un fenomeno tutto "italiano"
Si diffonde l'escamotage, tutto italiano, di immatricolare la propria autovettura all'estero, soprattutto in paesi dell'est, per non pagare multe bollo ed rc auto: facciamo luce sulla questione. Negli ultimi anni la Polizia Stradale ha registrato un incremento di auto con targa estera in giro per le strade italiane. Soprattutto targhe ...
Assegno circolare girato da soggetto dichiarato fallito - La banca emittente deve pagare
La Banca A emette assegno circolare trasferibile (dunque di importo facciale minore di mille euro) all'ordine di B. L'assegno circolare viene trasferito da B a C. C presenta all'incasso l'assegno circolare giratogli da B, ma la banca A rifiuta di pagarlo perché emerge la circostanza che, al momento della richiesta ...
Affidamento al genitore residente all'estero
Non è consentito il rilascio del passaporto a favore del minore se il genitore intende trasferirsi all'estero. Il trasferimento all'estero del genitore affidatario dei figli minori, certamente, compromette il diritto di visita dell'altro genitore, che quindi potrà legittimamente negare il consenso al rilascio del passaporto e all'espatrio del figlio minore. ...
Recupero crediti e rintraccio del debitore all'estero – AIRE Anagrafe Italiani Residenti Estero
L'AIRE rappresenta, in pratica, l'unico anello di congiunzione fra ultimo comune italiano di residenza e il nuovo domicilio del debitore italiano all'estero. Le società di recupero crediti, pertanto, contattano l'anagrafe della residenza registrata sui moduli di richiesta prestito. Risalgono via via ai comuni dove il debitore si è eventualmente trasferito ...
Recupero crediti all'estero » La procedura: iter unico
Arrivare ad una procedura unica comunitaria per il recupero crediti all'estero: è questo l'obiettivo del Consiglio dell'Unione europea. Il Parlamento Ue ha adottato un regolamento ad hoc che introduce uno strumento unico, in ambito comunitario, per il recupero crediti a livello internazionale in materia civile e commerciale. La procedura unica ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca