IVIE - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero » devo pagare lo 0.76% o lo 0.4%?

Scusate, ma in merito alla discussione già in corso non ci capisco più niente: vivo all'estero anagraficamente, ma non fiscalmente e fino ad oggi ho pagato l'IVIE allo 0,76% non rientrando nei casi previsti dalla circolare 02/07/2012 dell'AdE e sul loro sito riportata.

Tuttavia leggendo l'articolo 19 del dl 201/2011, sempre presente nella documentazione del sito dell'AdE, non si fa nessun riferimento ai casi della circolare.

Premesso che l'immobile estero corrisponde ad un A/3 in Italia. Quanto debbo pagare di IVIE. E' corretto continuare a pagare lo 0,76%. Oppure sto facendo inutili regali allo stato?

Visto che per la prima rata ho già pagato in base allo 0,76%. Secondo voi, se ho pagato troppo, c'è modo di recuperare i soldi?

A decorrere dal 2012 è istituita un'imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato.

L'imposta è stabilita nella misura dello 0,76 per cento del valore degli immobili.

L'imposta non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa e alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

18 agosto 2016 · Ludmilla Karadzic

Altre discussioni simili nel forum

IVIE - Imposta sul Valore degli Immobili situati all’Estero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca