Imposta sostitutiva su straordinario e premi di produttività

Si chiede se l'imposta sostitutiva dell'IRPEF del 10 per cento possa essere applicata al personale navigante di volo dell'aviazione civile in relazione al compenso, comprensivo dell'indennità di volo minima garantita, corrisposto in relazione alle ore di servizio svolte nella fascia notturna.

In merito alla possibilità di applicare il particolare regime di favore previsto dall'art. 2, lett. c), del decreto legge 27 maggio 2008, n. 93, e successive proroghe e modifiche, è stato più volte chiarito che tale regime è applicabile anche alle indennità o alle maggiorazioni di turno in caso di lavoro diurno e all'intero compenso percepito (compenso ordinario più maggiorazione) in caso di lavoro notturno, a condizione che gli stessi siano subordinati al perseguimento di un incremento di produttività che trovi riscontro in una dichiarazione dell'impresa da rendere nelle apposite annotazioni del CUD.

Per il 2011, l'agevolazione è subordinata alla riconducibilità di tali compensi alla contrattazione collettiva territoriale o aziendale.

Per quanto concerne la possibilità di comprendere l'indennità di volo minima garantita nel compenso per il lavoro notturno da assoggettare ad imposta sostitutiva del 10 per cento, si osserva che ai sensi dell'art. 51, comma 6, del TUIR, l'indennità di volo concorre alla determinazione del reddito imponibile nella misura del 50 per cento del suo ammontare.

Si ritiene che tale disposizione, che detta il criterio ordinario di determinazione del reddito di lavoro dipendente, sia alternativa all'applicazione dell'imposta sostitutiva del 10 per cento prevista per i premi di produttività e che conseguentemente si possa:

  1. assoggettare ad imposta sostitutiva l'intero importo dell'indennità di volo compresa nel compenso per il lavoro notturno;
  2. optare per la tassazione in modo ordinario dell'intero premio facendo concorrere l'indennità di volo alla determinazione del reddito imponibile nella misura del 50 per cento del suo ammontare.

Esempio: Compenso complessivo per lavoro notturno pari a Euro 1.000,00 di cui Euro 400,00 per indennità di volo notturno:

  1. Se il lavoratore opta per l'applicazione dell'imposta sostitutiva la tassazione sarà pari al 10 per cento di Euro 1.000,00 ovvero Euro 100;
  2. Se invece il lavoratore opta per la tassazione ordinaria, la ritenuta ordinaria si applicherà sull'importo di Euro 800,00 composto per Euro 600,00 da compenso per lavoro notturno al netto dell'indennità di volo e per Euro 200,00 dal 50 per cento dell'indennità di volo di Euro 400,00.

3 marzo 2012 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Adesso l'ufficiale giudiziario ha diritto ad un compenso commisurato al recuperato - In pratica lavora per il creditore ed è controparte del debitore
Quando si procede alle operazioni di pignoramento presso terzi o di pignoramento mobiliare, gli ufficiali giudiziari sono retribuiti mediante un ulteriore compenso, che rientra tra le spese di esecuzione ed è dimezzato nel caso in cui le operazioni non vengano effettuate entro quindici giorni dalla richiesta, stabilito dal giudice dell'esecuzione: ...
Strano ma vero » Al trasfertista non può essere riconosciuta un'indennità di trasferta
Si indica come trasfertista il lavoratore che svolge la propria attività abitualmente (e non prevalentemente) in cantieri esterni sempre variabili e diversi e mai presso la sede della società o presso suo altro stabilimento. La normativa vigente dispone che le indennità e le maggiorazioni di retribuzione spettanti ai trasfertisti, anche ...
Obbligo e durata del preavviso nel rapporto di lavoro subordinato
Nel rapporto di lavoro dipendente, il preavviso si pone come condizione di legittimità del recesso, la cui inosservanza è sanzionata dall'obbligo di corrispondere da parte del recedente una indennità sostitutiva; pertanto esso non può essere preventivamente escluso dalla volontà delle parti, né essere limitato nella sua durata rispetto a quello ...
Cessione del quinto per lavoratori precari
La normativa ha riconosciuto anche ai lavoratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi, agenti e rappresentanti di commercio, ecc., la facoltà di contrarre prestiti a fronte della cessione del quinto del compenso che abbia "carattere certo e continuativo". Per i soggetti in questione, la facoltà di contrarre prestiti a fronte ...
Dichiarazione dei redditi - Detraibile il 50% dell'lVA corrisposta al costruttore per l'acquisto di unità immobiliari di classe energetica A o B
Ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, si detrae dall'imposta lorda, fino alla concorrenza del suo ammontare, il 50 per cento dell'importo corrisposto per il pagamento dell'imposta sul valore aggiunto in relazione all'acquisto, effettuato entro il 31 dicembre 2016, di unità immobiliari a destinazione residenziale, di classe energetica A ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca