Imposta per la registrazione degli atti giudiziari

Recentemente sono stato condannato dal tribunale civile in accoglimento a domanda riconvenzionale al pagamento di euro 1300 più spese processuali di euro 6000 circa: dovrei pagare pertanto l’imposta di registrazione.

Vorrei sapere se tale imposta ha come base imponibile la quota capitale liquidata o il totale, intendo comprese le spese processuali. La controparte aveva chiesto ben 12000 euro nella domanda ma sono state ridotte a 1300 come sopra scritto. E infine quale aliquota mi competerà se l’1 o il 3 per cento.

Dovrà seguire la procedura automatizzata prevista qui, seguendo le istruzioni contenute in questa pagina.

Compilando i campi obbligatori (Ufficio, Anno del provvedimento Ente emittente, tipo e numero
provvedimento) con i dati richiesti è possibile ottenere l’importo e la stampa del F23 da presentare per il pagamento.

Il servizio consente, dopo aver inserito i dati dei provvedimenti giudiziari, di conoscere anche gli importi da pagare per la registrazione.

15 Maggio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sollecito di pagamento imposta di registro atti giudiziari.
Il giorno 13/06/2012 cioè ieri, mi è stato recapitato per via posta ordinaria, un sollecito di pagamento imposta di registro atti giudiziari di Euro 377,80, da parte di Equitalia. Questa imposta dovuta risale al 2002 ed Equitalia asserisce, sempre nel presente sollecito che questo sollecito mi è stato notificato il 23/06/2011. Premetto che dal 2006 non abito più all'abituale indirizzo, ma a Roma, tuttavia usufruisco il servizio a pagamento delle poste "seguimi" che invia al mio nuovo alloggio tutta la posta del vecchio indirizzo. detto questo, io da Equitalia non ho ricevuto alcun sollecito o notifica e mi sembra strano ...

Notifica degli atti giudiziari a mezzo posta - Il servizio può essere affidato ad operatori diversi da Poste Italiane
Premessa Per evitare confusione, si richiama l'attenzione del lettore alla circostanza che l'articolo tratta la notifica degli atti quando effettuata dall'Ufficiale Giudiziario servendosi dei servizi postali (notifica indiretta a mezzo posta) e non della notifica di avvisi di accertamento fiscali, cartelle esattoriali e verbali di sanzioni amministrative effettuate direttamente dalla Pubblica Amministrazione tramite i servizi postali (notifica diretta a mezzo posta). La differenza è sostanziale: ad esempio, con la notifica diretta a mezzo posta non è previsto l'invio, con raccomandata AR al destinatario, dell'avviso di inizio giacenza dell'atto presso l'ufficio postale qualora il destinatario risultasse temporaneamente irreperibile. Con la notifica ...

La pensione privilegiata non è esente da imposta sul reddito
La pensione privilegiata è liquidata quando, in costanza di rapporto di lavoro, l'interessato è colpito, per causa di servizio, da un'inabilità che ne comprometta l'attitudine totale alla continuazione del rapporto. In tal caso il dipendente dello Stato è collocato a riposo con un trattamento che viene indicato come privilegiato in quanto non rapportato, come nella pensione normale, alla durata del servizio prestato ma definito secondo altri parametri. Quando è stata raggiunta un'anzianità di almeno 15 anni di servizio utile (14 anni, 6 mesi ed 1 giorno) la pensione privilegiata è liquidata nella misura prevista per la pensione normale aumentata di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Imposta per la registrazione degli atti giudiziari