Impossibilitato a pagare debiti con Equitalia – soluzioni

Da circa un 1 anno sto pagando regolarmente una rateazione di equitalia per dei contributi inps non versati. Ieri mi viene notificata una cartella di una somma di circa 10mila euro per ulteriori contributi non pagati e tasse del 2008 arretrate che non mi erano mai state notificate. Chiaramente chiedero come sia possibile gli uffici di competenza e probabilmente faro ricorso ma la mie domande sono queste.

C’è la possibilita, gia avendo una rateazione, di implementare anche questa con l’attuale che sto regolarmente pagando? Ma cosa ancora piu importante e’ che io sono proprietario di 1/6 della casa di famiglia, dove tutt’ora vivo con mia madre, e ho un’ansia terribile che si avvalgano per il recupero del credito a questa mia piccola percentuale.

Non ho nessun altro bene mobile o immobile e attualmente sono disoccupato. Avrei pensato di donare la quota della casa che mi appartiene a mia sorella e di rinunciare alla futura eredita nel qual caso non sarei ancora riuscito a saldare le mie pendenze.

Puo essere una soluzione? Cosa mi consigliate perche non tocchino una casa che da generazioni appartiene alla mia famiglia?

E’ senz’altro possibile chiedere la dilazione di pagamento per nuove somme iscritte a ruolo, anche se si hanno già rateazioni in corso.

Per quanto attiene la quota di proprietà indivisa, suggerisco di non ricorrere, al momento, ad una donazione. Potrebbe essere impugnata da Equitalia, così come la eventuale rinuncia all’eredità, quando lei vi sarà chiamato.

Alla questione devono essere coinvolti anche gli altri eredi. Il pignoramento di una quota di proprietà indivisa ed indivisibile potrebbe, infatti, anche comportare la vendita dell’intero bene.

Il suo debito è infatti superiore agli ottomila euro. Non so se esso sia inferiore ai ventimila, ma lei – pur essendo comproprietario di una casa che può essere classificata come abitazione principale – non mi sembra avere validi motivi per impugnare le ultime cartelle. La quota parte è pertanto espropriabile.

Dunque, tutti i debiti ad oggi iscritti a ruolo vanno pagati. Per evitare problematiche nel breve medio periodo, essendo lei – a quanto è dato di capire – un soggetto a rischio, l’attuale quota di proprietà va ceduta prima possibile, a prezzo di mercato e possibilmente ad un soggetto (anche uno dei futuri chiamati) che acquisisca residenza nella casa di sua madre.

Per l’eredità la soluzione consiste nel ricorrere ad un testamento. In esso la ripartizione della massa ereditaria andrà fatta escludendola, di fatto, dall’assegnazione di quote immobiliari o, qualora ciò non sia possibile, violando la sua quota di legittima (nel caso sua madre disporrà un testamento olografo).

Trattandosi di un bene che presumibilmente non dovrà essere reso commerciabile, l’impatto di una successione poco trasparente dovrebbe avere scarso rilievo. Resta, per i coeredi, il rischio di una sua successiva impugnazione dell’eredità da parte, cosa credo gestibile.

Non è gestibile, invece, il rischio, remotissimo ma sempre possibile, di una impugnazione del testamento da parte di Equitalia, legittimata da un interesse: quello di escutere il credito ad un debitore cui non è stata assegnata la quota di legittima. Ma ciò fa parte dell’imperscrutabile alea della vita.

Sicuramente, si tratta di una soluzione più “sicura” rispetto alla donazione o alla rinuncia.

22 Febbraio 2012 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito Equitalia e possibile casa all'asta - mi conviene vendere subito o attendere gli eventi?
Sono un piccolo imprenditore ed ho un debito con Equitalia molto superiore ai 20 mila euro per contributi e tasse non corrisposte. Ho chiesto ed ottenuto la rateazione, ma ormai non ce la faccio più a pagare. La casa di proprietà è ancora priva di ipoteca. Mi conviene venderla subito o rischiare la vendita all'asta, che potrebbe pure non avvenire se io riuscissi a mettermi in careggiata con la prossima ripresa del ciclo economico? ...

Impossibilitato a pagare Equitalia, cosa succede?
Avevo una ditta individuale tra il 2006 e 2010: con Equitalia, tra inps e iva, sono arrivato a circa 14 mila euro di debito (ho avuto ieri l'estratto conto recandomi in agenzia). Io sono sposato ma con separazione dei beni, non ho casa intestata, non ho lavoro, non ho auto intestata, non ho un conto corrente e vivo dai miei [quindi sono nel loro stato di famiglia]. Non posso chiedere una rateizzazione perchè con i 600€ che guadagna mia moglie riusciamo a pagare un piccolo finanziamento e a sopravvivere. ...

Se decade la rateazione (concessa da Equitalia prima del 22 ottobre 2015) se ne può chiedere un'altra?
In riferimento a questa discussione preciso che la prima rateazione è stata concessa a fine settembre; quindi sempre 8 rate per farla decadere? Se la si richiedesse una seconda volta, dopo non aver pagato 8 rate, quante se ne potrebbero saltare prima di perdere definitivamente tale possibilità? La si può richiedere subito alla scadenza dell'ottava rata, o vi sono tempi d'attesa? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Impossibilitato a pagare debiti con Equitalia – soluzioni