Gli arretrati della pensione di invalidità una volta accreditati in conto corrente restano impignorabili?

Vorrei chiedervi in che limiti sono impignorabili i ratei di pensione di invalidità che mi verranno accreditati dall'INPS tutti insieme sul conto corrente. Poniamo che siano circa 30.000 euro. Quando può pignorare un creditore ed in che limiti? Cosa posso fare per farli sparire al più presto? L'INPS paga anche con assegno? O solo con bonifico?

La pensione di invalidità ha natura di sussidio ed è integralmente impignorabile presso l'INPS. Anche gli arretrati della pensione di invalidità, naturalmente, sono impignorabili, ove ancora da corrispondersi da parte dell'INPS.

Insomma, non è possibile il pignoramento presso l'INPS sia del rateo mensile della pensione di invalidità, né di eventuali somme dovute dall'INPS a titolo di arretrati della pensione di invalidità.

Il rateo di pensione di invalidità e gli arretrati della pensione di invalidità possono essere pignorati per l'importo eccedente il triplo dell'assegno sociale, quando l'accredito in conto corrente ha luogo in data anteriore al pignoramento.

Il che significa che, una volta confluito in conto corrente, il danaro perde qualsiasi legame con le ragioni per le quali è stato versato su quel conto: il denaro, come si dice, è un bene fungibile per eccellenza. Il codice di procedura civile, definendo impignorabile l'importo eccedente il triplo dell'assegno sociale una volta che la pensione (o indennità di pensione) sia stata accreditata in conto corrente, si preoccupa di assicurare all'invalido il minimo indispensabile alle esigenze di vita, ma non tutela una somma che, sebbene originata da arretrati relativi ad un bene impignorabile (la pensione di invalidità), con l'accredito in conto corrente assume, per la parte eccedente il triplo dell'assegno sociale, la qualità di risparmio e come tale aggredibile dal creditore procedente tramite pignoramento del conto corrente.

Per concludere, una volta che il rateo di pensione di invalidità e gli eventuali arretrati vengono accreditati in conto corrente e lì lasciati, ciò che si salva da un eventuale pignoramento del conto corrente è solo una somma corrispondente al triplo dell'assegno sociale. Tutto il resto può essere pignorato dal creditore procedente.

L'INPS paga solo con bonifico bancario o postale.

1 novembre 2016 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento pensione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento del conto corrente bancario o postale sul quale vengono accreditati stipendi e pensioni del debitore - Esempi pratici
Per quanto attiene i crediti di natura esattoriale (in pratica quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione per la quale agisce Equitalia o un Concessionario locale della riscossione) il pignoramento del conto corrente del debitore può essere effettuato sulle somme depositate, ma senza includere l'ultimo stipendio o pensione che deve restare sempre ...
Risvegliarsi e non trovare più il sito Equitalia ... Cucù, Equitalia non c'è più ma restano fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento del conto corrente, dello stipendio e della pensione
Come previsto dal dl 193/2016, dal 1° luglio 2017 le società del gruppo Equitalia sono state sciolte (tranne Equitalia Giustizia) ed è nato l'ente pubblico economico, Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER). L'esercizio delle funzioni relative alla riscossione sull'intero territorio nazionale (Sicilia esclusa) è stato attribuito all'Agenzia delle entrate ed è svolto ...
Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...
Pignorabilità della pensione di invalidità in seguito a inadempimento nel versamento dell'assegno di mantenimento
Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca