Il pignoramento del saldo di conto corrente avviene sul valore del deposito o su quello contabile?

Nello specifico il coniuge che invia un bonifico per un prestito all'altro coniuge con valuta differita (ad esempio bonifico oggi, accredito tra 10 gg) in caso di pignoramento in quell'arco di tempo rischia di vedere pignorata anche la somma disposta, sebbene non ancora accreditata fisicamente sul conto ma solo visibile contabilmente?

Per la successiva trattazione, conviene riferirsi alla banca del disponente come banca D e a quelle del beneficiario, presso cui il debitore intrattiene un rapporto di conto corrente, come banca B.

E' cruciale il momento in cui, dopo la notifica alla banca B dell'atto di pignoramento da parte del creditore procedente, viene effettivamente disposto il blocco delle operazioni (di accredito e di addebito) relative al conto corrente del debitore.

Esemplificando, possiamo asserire che la procedura di accredito di un bonifico avviene sostanzialmente in tre fasi, non necessariamente sincrone (a meno che le banche D e B coincidano):

  1. ordine di trasferimento di un importo da parte del disponente: appena conclusa la fase di scambio informativo fra le due banche D e B, il beneficiario rileva, ma solo contabilmente, l'accredito;
  2. completamento con esito positivo (buon fine) della fase di compensazione dell'importo trasferito fra la banche D e B;
  3. registrazione dell'importo trasferito come disponibile sul conto corrente del debitore e indisponibile su quello di chi ha effettuato il bonifico.

L'eventuale data di valuta per il beneficiario, indicata dal disponente, è inessenziale nel contesto di cui si discute, risolvendosi, praticamente, nella compensazione (oltre dell'importo accreditato) anche degli interessi eventualmente maturati dal beneficiario nel periodo intercorrente fra la data di valuta indicata dal disponente a quella in cui si perfeziona la fase 2.

Concludendo, solo se la fase 3 è stata portata a termine nel momento in cui la banca B dispone effettivamente il calcolo del saldo esistente sul conto corrente del debitore, quest'ultimo si vedrà pignorata la somma accreditata dal disponente. Insomma, il pignoramento del conto corrente avviene con l'azzeramento del saldo disponibile al correntista debitore sottoposto ad azione esecutiva.

2 maggio 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento del conto corrente cointestato - Cosa può fare il cointestatario non debitore per tutelare i propri diritti
In un conto corrente cointestato si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari, senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno di essi, neppure per quote ideali. In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, come il pignoramento del conto corrente, in seguito ad azione ...
Pignoramento di un conto corrente cointestato - Le tutele esperibili al cointestatario non debitore
In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, quale il pignoramento di un conto corrente, la banca può soltanto dare esecuzione senza nulla poter opporre o far valere. Occorre precisare, infatti, che, una volta ricevuta la notifica dell'atto di pignoramento contenente l'intimazione a non disporre del credito senza ordine del giudice, ...
Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito
Il conto cointestato non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà dei soldi depositati. La cointestazione di un conto corrente, infatti, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la ...
Coniugi in regime di comunione - Imposta di successione su conto corrente e deposito titoli in caso di morte di uno di essi
Al momento della morte del coniuge si scioglie la comunione legale sui titoli (quali azioni, obbligazioni, titoli di stato, quote di fondi di investimento etc.) in deposito presso banche (c.d. dossier) ed anche la comunione differita - o de residuo - sui saldi attivi dei depositi in conto corrente. Pertanto ...
Conto corrente cointestato » Pignoramento presso terzi e blocco integrale del saldo: è possibile?
E' corretto l'operato della banca che, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto corrente, cointestato ed a firma disgiunta? Tra le procedure esecutive, quella del pignoramento presso terzi rappresenta senza dubbio quella più diffusa, dato che consente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca