Il grande disastro delle buche stradali - Possibile ricevere un indennizzo dal Comune?

Non ce la faccio (e non penso di essere l'unico) davvero più con queste buche: in dieci giorni, a Roma, andando a lavoro, ho bucato due volte la gomma ed ora mi si è storta la convergenza.

Possibile che con pochi giorni di pioggia si effettuino danni così gravi: ma di cosa sono fatte le strade, sono finte?

Unica alternativa è quella di andare a 40 allora zigzagando: ma non può essere una cosa normale!

Passano i giorni e non vedo miglioramenti: la mia domanda è, posso chiedere un risarcimento al Comune? Come?

Dopo il maltempo reiterato delle ultime settimane, in tutta italia, ma soprattutto in grandi centri, come Roma, si è assistito a un grande disastro sulle strade: buche enormi, grosse come voragini, che minano la sicurezza degli automobilisti.

Il problema, oltre al danneggiamento dei veicoli, è quello, vero e proprio, dell'incolumità delle persone: incidenti con motorini e macchine impantanate dentro voragini sono all'ordine del giorno.

Inoltre, quando finisce bene, ci si ritrova, come nel suo caso, a dover sistemare gomme forate, sostituire cerchi spaccati, cambiare braccetti e semiassi.

Ma in caso di danni ed ipotetiche richieste di indennizzo, con chi prendersela?

E' bene sapere che la responsabilità è imputabile all'ente proprietario della strada, vale a dire, di norma, al Comune se siamo in città.

A Roma, ad esempio, sono tantissimi i cittadini che hanno intrapreso cause di risarcimento danni contro il Comune di Roma.

Più in generale, comunque, i consigli che vi forniamo, nel caso di danneggiamenti o sinistri a cause di buche sulla strada, sono:

  1. chiedere sempre l'immediato intervento della polizia municipale, della polizia stradale o dei carabinieri, così da far rilevare sul posto le condizioni della strada e verbalizzare, nell'immediatezza del fatto, l'esistenza della buca;
  2. scattare e documentare se possibile, alcune foto dei luoghi prima che il Comune segnali alle ditte responsabili della manutenzione di riparare il danno;
  3. coinvolgere testimoni che abbiano assistito all'evento;
  4. se sussistono lesioni fisiche recarsi immediatamente al Pronto Soccorso spiegando l'accaduto (incidente a causa di voragine sulla strada).

Dunque, l'importante è agire con tempestività e, soprattutto, munirsi di prove: verbali, testimoni, referti di pronto soccorso ma anche fatture di meccanici e gommisti.

Documentazione difficilmente contestabili dal Comune, al quale dovrà essere inviata la denuncia con raccomandata A/R: infatti l'onere della prova, in queste dinamiche, spetta al cittadino/utente della strada.

Se, invece, non si vuole fare tutto da soli, è possibile rivolgersi ad associazioni dei consumatori che assistono nella procedura.

Il CODACONS, ad esempio, in una nota, ha invitato i cittadini che hanno subito danni personali o materiali a causa delle buche nella capitale, a contattare l'associazione all'indirizzo email info@codacons.it.

Tutti gli interessati riceveranno un modulo per aderire alle azioni legali dell'associazione.

16 marzo 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

risarcimento danni
tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fattura e consumo presunto - La grande truffa delle multinazionali
Alcuni giorni fa ho ricevuta una fattura dall'ENI. Era relativa alla bolletta di 855 euro per la fornitura del gas del periodo che va dall'11 agosto 2012 al 15 gennaio 2013 . Oltre alla fattura esosa, c'era una lettera che recitava testualmente : “Gentile cliente, desideriamo informarla che, a causa ...
Omicidio stradale e lesioni personali stradali - Passando con il rosso si rischia la galera
L'articolo 589 bis del codice penale, introdotto dalla legge 41/2016 (Reato di omicidio stradale e di lesioni personali stradali) stabilisce, in generale, che chiunque cagioni per colpa la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale è punito con la reclusione da due a sette ...
Multe da Autovelox » Il ministero dell'interno interviene per mettere ordine al disastro di Milano
Multe da autovelox a Milano: con l'intervento del Ministero dell'Interno, sembra esserci una soluzione definitiva. In un nostro precedente intervento, avevamo parlato del pasticcio del Comune di Milano con le multe da autovelox, un problema, veramente, che si sta proponendo in tutta Italia. La causa era in una norma contraddittoria: ...
Semafori di corsia - Preselezione ed incolonnamento dei veicoli in prossimità dell'incrocio
I semafori di corsia sono posti in presenza intersezioni tra strade a più corsie proprio per consentire la preselezione e l'incolonnamento dei veicoli in prossimità dell'incrocio: la luce del semaforo, quindi, non regola il passaggio dei veicoli in base alla mera intenzione del conducente di effettuare in qualunque momento una ...
Requisiti che deve avere la strada cittadina perché l'amministrazione comunale possa posizionarvi un autovelox
La legge 168/2002 (articolo 4 dell'allegato) dispone che sulle autostrade, sulle strade extraurbane principali, sulle strade extraurbane secondarie e sulle strade urbane di scorrimento gli organi di polizia stradale possono utilizzare o installare dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico, di cui viene data informazione agli automobilisti, finalizzati al ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca