Il debitore deve essere sicuro di trattare con una società legittimata a riscuotere

Chiedo gentilmente un consiglio, ci sono un recupero crediti e due agenzie incaricate che mi hanno inviato lettere di presentazione e qualche telefonata, e fino ad ora nei limiti consentiti e molto genericamente. Secondo voi devo aspettare altre loro mosse (ho proposto un piano di rientro per un prestito, mentre ho poche soluzioni per un mutuo se non la rinegoziazione) o è meglio che chieda intanto, tramite raccomandata a tutti e tre, chi è il titolare al quale vanno versati, eventualmente, i soldi? Prima che inizino azioni legali ed anche per una maggiore sicurezza.

Spettabile società,
scrivo in riferimento alla vostra comunicazione del novembre ultimo scorso, inerente il recupero di un presunto credito da voi vantato nei miei confronti.

Dichiaro fin d’ora la mia piena disponibilità ad onorare tutte le eventuali obbligazioni assunte.

Pertanto, allo scopo di consentire allo scrivente di rientrare, al più presto possibile, dalla esposizione debitoria che voi asserite essere stata maturata, vi invito ad inviare all’indirizzo in epigrafe ed a mie spese, la seguente documentazione:

lettera di cessione del credito;
contratto originario di finanziamento;
estratto conto cronologico;

La comunicazione finalizzata ad accertare la legittimità a riscuotere il credito del soggetto che si presenta al debitore è la prima cosa da fare per non rischiare di pagare a vuoto e vedersi, magari, rinnovata la richiesta da altri. La copia del contratto originario di finanziamento è una richiesta legittima se si contesta il credito (la firma apposta potrebbe essere disconosciuta dal presunto debitore). L’estratto di conto cronologico è dovuto per giustificare l’entità della pretesa e la corretta applicazione dei tassi di interesse (che non devono risultare usurari).

Senza questa documentazione è chiaro che la società di recupero crediti non può adire il giudice per ottenere un decreto ingiuntivo nei confronti del presunto debitore; se ne è in possesso, è suo precipuo interesse esibirli al debitore per facilitare il raggiungimento di un accordo transattivo in via stragiudiziale.

27 Gennaio 2019 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Oltre che la comunicazione di cessione del credito il debitore deve anche visionare una eventuale lettera di mandato a trattare? (ulteriori chiarimenti)
Chiedo chiarimenti riguardo questa risposta al mio precedente quesito: non ho ben compreso la risposta, pertanto riformulo la domanda cercando di spiegarmi meglio. Avevo un debito con la società A che non sono riuscito a saldare. Qualche settimana fa vengo contattato da un'agenzia di recupero crediti Z che asserisce di avere l'incarico di recuperare il suddetto credito. Ho chiesto dei documenti a prova di ciò, in particolare mi sono fatto spedire via email l'estratto conto cronologico, copia del contratto di finanziamento e la lettera di cessione del credito. Da quest'ultimo documento risulta che: A ha ceduto i diritti di credito ...

Cessione del credito » Il debitore ceduto deve essere informato del prezzo pagato dal creditore cessionario?
Un credito derivante dal mancato pagamento di una carta revolving è stato ceduto dalla società titolare di detto credito ad altra società che pertanto ha inviato una richiesta di pagamento. Ho letto che nella maggior parte dei casi i crediti insoluti vengono ceduti non per il loro valore nominale ma per importi forfetari e comunque assai inferiori alla somma originaria. Tutto questo senza che il debitore ceduto venga edotto in ordine al reale importo oggetto della cessione. In caso di azione giudiziaria (decreto ingiuntivo) la società cessionaria agisce per l'intero credito e non per la somma effettivamente pagata per la ...

Oltre che la comunicazione di cessione del credito il debitore deve anche visionare una eventuale lettera di mandato a trattare?
Sono in contatto con una società di recupero crediti Z che mi ha inviato per email una lettera di cessione del credito dalla quale risulta che la società cessionaria A, titolare del credito, ha dato incarico ad un'altra società B per la gestione e riscossione del suddetto credito; da tale documento però, nonostante risulti che ogni eventuale pagamento debba essere indirizzato ad A, non vi è nessuna traccia della società Z; quest'ultima asserisce di essere stata incaricata da B per la gestione del credito. La mia domanda è: hanno l'obbligo di fornirmi un documento a prova di questa affermazione oppure ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il debitore deve essere sicuro di trattare con una società legittimata a riscuotere