Ispettorato del lavoro

A seguito di un controllo dell'ispettorato del lavoro presso una società di abbigliamento in cui lavoravo a nero da 4 anni, sono stata assunta come ragioniera nel mese di febbraio 2010. All'epoca ero già incinta, quindi sono andata in maternità obbligatoria a maggio 2010.

Prima di andare in maternità ancora non avevo percepito alcuno stipendio (sa, la crisi…) e prendemmo accordi per ricevere un anticipo (circa uno stipendio) sui mesi già lavorati, e di ricevere quanto dovuto (arretrati e maternità) in parte a metà maternità ed il restante quando sarei tornata a lavorare. Durante la maternità mi è stato pagato qualche contentino (circa uno stipendio); così al rientro ad ottobre mi trovavo con tutta la maternità da percepire, oltre ad un arretrato di ancora 1 stipendio.

Con la promessa del pagamento totale degli arretrati dicembre 2010, e poi entro gennaio mi sono accontentata di un ulteriore acconto. Intanto i rapporti nel mese di dicembre si sono iniziati ad incrinare, soprattutto per richieste sugli orari di lavoro e sulla flessibilità che, contrariamente a prima, ora da mamma non potevo più dargli.

Quando a gennaio tornai al lavoro dall'interruzione natalizia, ho scoperto che la commessa (unica altra dipendente) che lavorava con me era stata licenziata, e di conseguenza non era più possibile (secondo loro) concedermi la riduzione di orario dovuta per l'allattamento. A partire da questa scoperta, dopo una serie di accese discussioni, che durarono fino a metà febbraio, decisi di mettermi in congedo parentale facoltativo, fino alla ricezione degli arretrati (non recependo stipendio non potevo certo pagare babysitter e spese di viaggio).

Durante le varie discussioni del mese di febbraio ho ricevuto qualche altro anticipo sugli arretrati (e ovviamente nessun altro stipendio) e ci siamo accordati su un importo “scontato” di maternità ed arretrati, da saldare entro fine febbraio.

Quando arrivò, a fine febbraio, la lettera di congedo facoltativo, ci fu un'ultima accesa discussione nella quale, intimorita anche degli atteggiamenti minacciosi del datore di lavoro, abbandonai il posto di lavoro, consigliata anche (male) da alcuni “avvocati” che seguivano la mia situazione.
Tra varie comunicazioni più o meno ufficiali alla società a cui ero assunta, in particolare per chiedere le buste paga non in mio possesso e il pagamento degli arretrati (che non hanno mai avuto risposta) e tra i “consigli di aspettare” degli avvocati che mi seguivano, i 180gg di congedo parentale facoltativo erano scaduti e, non avendo supporto sul da farsi, decisi di cambiare avvocato.

Il nuovo avvocato (dopo avermi evidenziato la criticità della situazione, ed in particolare del troppo tempo trascorso) mi consiglia di avviare un accordo bonario per recuperare il possibile, considerata anche la situazione precaria della azienda in cui ero assunta.

A fine settembre, per vie fortuite vengo a sapere che dal 19 settembre non risulto più assunta, pur non avendo ricevuto alcun preavviso nè lettera di licenziamento.

Fallito il tentativo di riconciliazione ( secondo il quale loro erano disponibili di darmi circa la metà del dovuto e in 6 mesi a partire da gennaio 2012), oggi, 29 novembre, vengo a conoscenza che la società è stata messa in liquidazione.

Il mio avvocato mi prospetta di accontentarmi, far buon viso a cattivo gioco e cercare di recuperare il più possibile da questo accordo in cui mi dovrei fidare (di nuovo) del posticipo del pagamento di quanto mi è dovuto, oramai, da quasi in anno e mezzo.

Possibile che, io da dipendente assunta e che quindi dovrei essere la “troppo tutelata”, devo scappare con la coda tra le gambe dai miei diritti?

Quali strade ho per recuperare almeno un pò di quello che mi spetta?, o almeno per interrompere con dignità questa trafila?

Per precisione vorrei aggiungere :

Non ho alcun dubbio sulla buona fede del mio attuale avvocato (forse qualcuno ne ho su quella dei precedenti, ma oramai è acqua passata)

Ad oggi non sono stati fatti decreti ingiuntivi nei confronti del mio ex datore di lavoro, in quanto sembra che non portino a nessun risultato, ed avrebbero interrotto qualunque margine di accordo

Ad oggi sono in possesso delle buste paga fino ad aprile 2010, in quanto le altre non mi sono state date (altrimenti dovevo firmare la quietanza di pagamento), ed ancora non ho ricevuto la lettera di licenziamento

Le cifre che mi spettano da busta paga (quindi incluso di TFR, tredicesima e quattordicesima) sono di circa 16.000€, di cui circa 4.000€ pagate nei vari anticipi.

Non so se questo "recupero crediti" sia contemplato in questa sezione del forum, ma non ne ho trovato uno più idoneo.

La invito a leggere attentamente il tutorial sul recupero crediti di lavoro che le allego in calce: per aprire il documento clicchi pure sull'immagine.

come recuperare i crediti di lavoro

29 novembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti da lavoro

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Indennità di maternità anche alle madri libere professioniste che adottano un minore con sei o più anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...
Incostituzionale la norma che limita l'erogazione dell'indennità di maternità alle madri libere professioniste che abbiano adottato un minore con meno di sei anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Anche le madri disoccupate hanno diritto all'indennità di maternità
Cominciamo con il definire cosa sia il congedo di maternità: il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio. Il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro prima del parto comprende i 2 mesi precedenti la data presunta ...
Una volta raggiunta l'indipendenza economica, il figlio maggiorenne, che perde il posto di lavoro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento
Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l'indipendenza economica, la successiva perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza dell'obbligo del genitore al mantenimento dei figli maggiorenni. Si tratta del principio di diritto enunciato, nella sentenza 6509/2017, dai giudici della Suprema Corte di cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca