Il coerede che paga i debiti del de cuius e si oppone alla divisione dell'eredità

Vorrei chiedere se sia legittimo che, in caso di decesso di un parente, uno dei 4 eredi saldi arbitrariamente tutto il debito bancario del defunto chiedendone agli altri coeredi la restituzione pro quota più interessi maturati fino alla futura data di estinzione.

Poiché l'erede che ha estinto il debito si oppone continuamente alla divisione testamentaria e gli altri coeredi non sono in condizione di saldare il debito pro quota, gli interessi aumentano continuamente ed alla fine tutta l'eredità sarà assorbita appunto dall'unico erede che ha pagato la banca.

Il codice civile (articolo 754) parla chiaro: gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti in proporzione della loro quota ereditaria. Il coerede che ha pagato oltre la parte a lui incombente può chiedere agli altri coeredi soltanto la parte per cui essi devono contribuire. Il coerede, cioè, conserva la facoltà di chiedere il pagamento del debito saldato al creditore, detratta la parte che deve sopportare come coerede.

Questo per rispondere alla prima parte della domanda: il coerede che paga tutti i debiti lasciati dal defunto è legittimato a farlo.

Per quanto attiene, invece, il timore espresso nella seconda parte, va precisato che, sempre secondo il codice civile (articolo 752), i crediti del de cuius, a differenza dei debiti, non si dividono automaticamente, ma entrano a far parte della comunione ereditaria. Anche secondo giurisprudenza consolidata, i crediti non si dividono automaticamente ma vengono ripartiti tra i coeredi con la divisione di tutta la massa ereditaria, per cui è vietato al singolo coerede (anche quello che si è assunto l'onere di pagare i creditori del de cuius) di compiere gli atti individuali dispositivi sulla massa ereditaria ed è perciò necessario che qualsiasi atto, che a essi si riferisca, sia posto in essere congiuntamente da tutti i coeredi.

Ciò significa, in pratica, che il coerede che ha saldato i debiti del defunto non può per questo compiere atti individuali dispositivi dei conti correnti del defunto: un solo coerede, infatti, non potrà agire unicamente in nome proprio per riscuotere in tutto o in parte l'eredità lasciata in conto corrente o in deposito titoli. Ed è questa la ragione per cui, probabilmente, il coerede che ha pagato si oppone alla divisione ereditaria: vorrebbe prima rientrare delle quote dovute dagli altri coeredi.

La banca, infatti, dovrà comunque ripartire la disponibilità lasciata dal de cuius fra i coeredi. Il coerede che ha assunto l'onere di saldare i debiti del defunto dovrà richiedere la quota a ciascuno dei coeredi e, semmai, agire per vie giudiziali per ottenere il rimborso di quanto anticipato.

4 aprile 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Divisione di uno o più immobili ereditati tra più coeredi » La Corte di Cassazione fa chiarezza
Divisione ereditaria di beni immobili: la Cassazione ne chiarisce la natura. L'art. 720 c.c., nel prevedere l'assegnazione al coerede del bene immobile oggetto di divisione, costituisce una deroga al principio della divisione in natura dei beni, applicabile solo nei casi tassativamente elencati dalla norma e riferibile esclusivamente alle ipotesi in ...
Debiti ed eredità - I coeredi non sono debitori solidali
La legge stabilisce che i coeredi contribuiscono fra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie, salvo che il testatore abbia altrimenti disposto. Pertanto fra gli eredi non esiste un vincolo di solidarietà e gli stessi sono tenuti a rispondere del debito eventuale del ...
Eredità ed immobili non comodamente divisibili
In tema di divisione ereditaria ciascun coerede ha diritto ad una quota in natura dei beni mobili e immobili dell'eredità. Tuttavia, qualora nell'eredità siano inclusi immobili non comodamente divisibili e la divisione non possa effettuarsi senza il loro frazionamento, questi beni devono preferibilmente essere attribuiti dal giudice (la cui valutazione ...
Ripartizione ai coeredi di un bene indiviso e non comodamente divisibile
La giurisprudenza non è sempre univoca nello stabilire la natura dell'interesse dei coeredi che può determinare l'individuazione dell'assegnatario del bene indiviso. Secondo alcune decisioni, nella divisione, salvo deroga per gravi motivi che riguardano l'interesse comune dei condividenti, devono essere preferibilmente seguiti dal giudice i criteri di attribuzione dettati dal codice ...
Quando si litiga fra eredi
Come noto, è ben possibile che - in forza del testamento, oppure, in assenza di un valido testamento, per legge - le persone chiamate ad una eredità siano più di una. Ed è parimenti noto che, se almeno due di esse accettano l'eredità - espressamente o anche solo implicitamente (è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca