Il mio compagno vive a casa mia ed hanno pignorato a lui i mobili da me acquistati - Come rientrarne in possesso?

il mio compagno che vive nella mia casa di proprietà è debitore pignorato: hanno pignorato nella mia casa dei mobili da me acquistati, quindi di mia proprietà. E' sufficiente che io dimostri che sono miei esibendo gli scontrini di acquisto effettuato col bancomat e i relativi movimenti bancari del mio conto corrente a me intestato? Grazie

Se i movimenti bancari attestano il trasferimento di soldi a favore di un negozio o di una fabbrica di mobili e riesce, se possibile, a farsi dare copia degli ordinativi fatti a suo tempo, potrà presentare, supportata da un avvocato, ricorso al giudice dell'esecuzione presso il tribunale territorialmente competente, allegando la documentazione acquisita, per ottenere la liberazione dei beni pignorati.

10 luglio 2018 · Chiara Nicolai

E se ho ragione chi pagherà l'avvocato?

Purtroppo l'avvocato lo dovrà pagare il proprietario dei beni pignorati: nell'ordinamento giudiziario italiano vige il principio di presunzione legale di proprietà in riferimento alla procedura di pignoramento presso la residenza, o il domicilio, del debitore: in pratica, tutti i mobili presenti nella casa dove vive il debitore sono considerati di proprietà del debitore. E, dunque, chi accetta di tenere beni propri in una casa in cui convive con il debitore, deve accettare anche il rischio, ed il conseguente onere, di dover poi dimostrare al giudice che i beni sequestrati non appartenevano al debitore.

Su questo aspetto, molto penalizzante per chi condivide l'abitazione con persone gravate da debiti e potenzialmente soggette a procedure esecutive mobiliari presso il luogo di residenza, la Corte di Cassazione si è espressa più volte precisando che: “La presunzione, valevole in sede esecutiva a norma dell'articolo 621 codice di procedura civile, per cui tutti i mobili che si trovano nell'azienda o nell'abitazione del debitore sono di sua proprietà, opera sul presupposto di una relazione di fatto tra il debitore e questi particolari spazi di vita professionale o familiare, perché chi ne gode può liberamente introdurvi e solitamente vi introduce cose che gli appartengono.” (Cassazione civile 2909/2007).

10 luglio 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I redditi occulti e non dichiarati dal contribuente possono essere provati dall'esame dei movimenti in conto corrente di un familiare o di un collaboratore
Spetta all'Amministrazione finanziaria che contesti i dati esposti nella dichiarazione in verifica, fornire la prova dei maggiori redditi occulti: tale prova può essere raggiunta anche mediante l'accertamento di circostanze indiziarie idonee a costituire una valida presunzione. Ad esempio, idonee a costituire una valida presunzione è la stretta contiguità (familiare, collaborativa, ...
Nullo l'accertamento fiscale basato sui movimenti in conto corrente se il contribuente non ha svolto attività
Quando sussistono flussi finanziari che non trovano corrispondenza nella dichiarazione dei redditi, i dati risultanti dai conti correnti bancari possono essere utilizzati sia per dimostrare l'esistenza di un'eventuale attività occulta (impresa, arte o professione), sia per quantificare il reddito ricavato da tale attività, incombendo al contribuente l'onere di dimostrare che ...
Per il fisco gli accrediti in conto corrente sono sempre redditi imponibili: a carico del contribuente, sottoposto ad accertamento fiscale, l'onere di dimostrare il contrario, indicando la provenienza e la destinazione dei singoli movimenti nonché le diverse cause giustificative
Come è noto, l'Agenzia delle Entrate può richiedere dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto da banche e finanziarie con i propri clienti: il contribuente è tenuto a fornire non una prova generica, ma una prova analitica, con indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento bancario, in modo ...
Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti